Acqua in vino: il “miracolo” nelle fontane

Lun, 31/07/2017 - 12:15
ConVersando…

Poche sono le città italiane che possono vantare “sorgenti” dalle quali sgorga nientemeno che vino. No, non è il miracolo delle nozze di Cana, ma fontane in cui dissetarsi gratuitamente. Il nostro itinerario parte dal paese situato più a Sud di questa ristretta cerchia: Carosino in provincia di Taranto. La straordinaria metamorfosi ha luogo solo durante la Sagra del Vino che si tiene ogni anno a metà settembre per celebrare l’inizio della vendemmia. L’apertura dell'evento avviene proprio con la messa in moto della fonte che distribuirà ai partecipanti i venti quintali di vino Primitivo offerto dall’azienda Marinelli di Carosino. Risalendo lo stivale ci fermiamo a Marino, nell’area dei Castelli Romani, appena fuori Roma. Qui il “miracolo” avviene in diverse fontane, collocate in più punti della cittadina, e i loro rubinetti vengono aperti soltanto durante la tradizionale Sagra dell’Uva, la prima domenica di ottobre di ogni anno. Ci trasferiamo più a Nord, a Villa Caldari, frazione di Ortona in provincia di Chieti. L’idea della fonte nasce dall'esigenza di confortare i pellegrini che ogni anno compiono un sentiero religioso che attraversa proprio questo luogo, il cammino di San Tommaso, il viaggio sulle orme dell’apostolo che attraversa le terre d’Abruzzo conducendo i viaggiatori sino a Roma. Gli autori della fontana, in collaborazione con la Cantina Dora Sarchese, si sono ispirati a quella più famosa situata lungo il Cammino di Santiago, decidendo di replicarla in Italia. Questa è l’unica italiana a essere aperta tutto l’anno e il viandante può ristorarsi con un buon bicchiere di rosso dei vignaioli d'Abruzzo durante il suo tragitto, purché lo faccia con parsimonia, come si recita al suo fianco. Ultima tappa a San Floriano del Collio, in Friuli Venezia Giulia. In questa piccola località goriziana, durante la festa del vino chiamata Likof evento che si ripropone ogni anno ai primi di giugno, viene fatto sgorgare vino bianco rigorosamente friulano, elargito ai convitati per il brindisi. Oggetto del desiderio quando si è assetati, le fontane svolgono il compito ultracentenario per le quali sono state costruite. Se poi lo compiono erogando nettare divino, meglio ancora!

Autore: 
Sonia Cogliandro
Rubrica: 

Notizie correlate