A Caulonia, i bambini sono "I colori della primavera"

Ven, 26/04/2013 - 10:02

Nel giorno della vigilia della commemorazione, nel 25 Aprile, della liberazione d'Italia dai nazisti, nel lontano '46, Caulonia Marina ha voluto immergersi nella semplicità e nell'allegria dei più piccoli: "I colori della primavera" ha accolto, nello scenografico verde della villa comunale, vestita di allegria, tantissimi bambini, felici di condividere momenti di festa in una tappa storica come la nostra in cui vivere limpidi e senza macchie, come il sorriso di un fanciullo può fare, è spesso sempre e troppo più difficile. La manifestazione, che fin dalle prime ore del pomeriggio ha raccolto i giovanissimi del gruppo scouts del paese entusiasti di poter accogliere, a braccia aperte e nel verde dei prati, la bella stagione, è stata un importante momento di unione e condivisione per il paese; molti i giochi di gruppo e i tornei sportivi che, con la guida dei ragazzi più grandi, hanno permesso a ciascun bambino, entusiasta, di riconoscersi nell'interculturalità che delinea la locride e Caulonia e che unisce, nelle diverse etnie, in uno stesso senso di cittadinanza in cui correre e ridere è stato, per ciascuna età e provenienza, bello allo stesso modo. Sul fare della sera, il coro parrocchiale delle "Piccole Gocce" ha potuto suggellare l'inoltrarsi di una serata che ha fatto dell'evento un orgoglio per il paese, che in momenti come questo riesce bene a spogliarsi della crisi e rendersi, con il sorriso dei bambini, pitturato di spensierata gioia. Tantissimi sono stati i genitori arrivati attorno all'allegro coro, durante la cui esibizione è stato presente, soddisfatto, il parroco della parrocchia "SS. Silvestro e Barbara" e le famiglie più e meno giovani giunte nel parco per trascorrere momenti incorniciati nell'atmosfera del tepore di un tramonto di fine Aprile; un attivo gruppo di ragazzi del paese è poi stato felice di tuffarsi nel mondo delle scuole dell'infanzia e del gioco dimenticando le ansie dell'esame di maturità, volendo offrire ai molti la possibilità di cenare con panini e birra, in una delle cornici più tipiche della costa nostrana che tanto ha voglia di star bene, come a "I colori della primavera", salda sulle basi della socievolezza, del calore del sud e della capacità dei sorrisi dei bambini di rendere più semplice una normale giornata.

 

.

Autore: 
Gabriele Sabbadini
Rubrica: 

Notizie correlate