CGIL di Locri: “Reggio deve ripartire dai lavori pubblici”

Gio, 01/02/2018 - 11:20

Il segretario della CGIL Reggio Calabria – Locri Gregorio Pititto e quello  della Fillea Calabria Luigi Veraldi plaudono all’imminente ripresa dei lavori del nuovo Palazzo di Giustizia, che consentiranno  il completamento di una delle più grandi opere incompiute della città e l’apertura fra due anni della casa della Giustizia dei reggini, salvando la città da un contenzioso che avrebbe potuto pesare per 40 milioni di euro sulle casse comunali.
Dall’insediamento dell’amministrazione Falcomatà la CGIL ha espresso la convinzione che la strada da intraprendere per fare uscire Reggio dal baratro fosse quella delle opere pubbliche da “recuperare” o da realizzare con i fondi della comunità europea, attraverso l’istituzione della Città metropolitana e con la rimodulazione delle risorse nazionali stanziate per il Decreto Reggio.
La firma della rimodulazione del Decreto Reggio dello scorso ottobre ha rappresentato un passaggio davvero significativo ed importantissimo per la nostra città. Con la sottoscrizione della “convenzione unica” che ha blindato l’avvio di tutte le opere che si vogliono realizzare nel più breve tempo possibile per decine di milioni di euro, si è dato avvio concreto a tutte le opere programmate che si affiancano agli altri investimenti predisposti nell’ambito di programmi strategici come il Patto per il Sud – Città metropolitana, il PON Metro 2014-2020, il Patto per la Calabria ed altri finanziamenti previsti da apposite leggi.
“Naturalmente il duro lavoro condotto dall’amministrazione comunale e dal primo cittadino in qualità di funzionario delegato del Decreto Reggio in questi anni – dichiara Pititto - va portato avanti con attenzione affinché non si verifichino ulteriori rallentamenti rispetto ad opere strategiche per la rinascita di Reggio, come i lavori di completamento del Parco Lineare Sud, quelli riguardanti l’area collinare di Santa Venere, le aree adiacenti al Santuario del Volto Santo, il quartiere di Pellaro con il teatro, la piscina e l’ex municipio, il progetto Sport – Scape di Gallina, piazza del Popolo, il ponte sul torrente Scaccioti, Villa Guarna del quartiere Sbarre, il ponte Calopinace, la messa in esercizio delle condotte idrico cittadine, gli interventi per il risanamento della viabilità cittadina e la realizzazione di nuove arterie”.
Secondo la CGIL la riapertura dei cantieri porterà essenziale forza lavoro alla città, facendo ripartire l’edilizia, vero motore dell’industria di questo territorio, e immettendo in circolazione una grande quantità di denaro in grado di aiutare tutti i comparti produttivi, evidentemente in difficoltà sulla base degli indicatori socio-economici.
“Basta la semplice lettura dei macrodati – evidenzia Veraldi - per rendersi conto di quale sia il danno economico-occupazionale dell’ultimo decennio, con risvolti preoccupanti per la coesione sociale e lo sviluppo di questa terra. Dal 2008 (anno d’inizio della crisi) a giugno 2017 le imprese sono diminuite di 390 unità (26,32). Di conseguenza anche l’occupazione ha registrato un dato negativo: dal 2008 a giugno 2017, infatti, il numero di operai impegnati nell’edilizia è diminuito di 4.564 unità (52,81%)”.
L’obiettivo per la CGIL è che l’amministrazione cittadina e quella metropolitana disegnino la città del futuro. In tal senso, è altrettanto rilevante il via libera in Conferenza Stato – Regione al riparto delle risorse che la Legge di Bilancio ha destinato alle Città metropolitane, con la stanziamento per quella di Reggio Calabria di oltre 6 milioni di euro che, come annunciato, saranno utilizzati per la messa in sicurezza delle scuole, la lotta al dissesto idrogeologico e la viabilità.
La CGIL vuole essere al fianco dei reggini e quindi delle loro istituzioni locali nel processo di cambiamento, all’insegna della trasparenza e della legalità, avviato dal sindaco Falcomatà; anche per questo chiede al primo cittadino un incontro per aprire una produttiva stagione di collaborazione e confronto con l’ente comunale e quello metropolitano. 

IL SEGRETARIO GENERALE FILLEA CGIL

IL SEGRETARIO CGIL REGGIO CALABRIA - LOCRI

LUIGI VERALDI

GREGORIO PITITTO

 

Rubrica: 

Notizie correlate