Cup di Reggio Calabria Lagnanze sul servizio

Lun, 30/03/2015 - 16:45

“Salve, dovrei prenotare una visita.”

“Mi detti il numero dell'impegnativa”

“Un attimo che la prendo subito”

“No, allora mi richiami”

Questa è stata la conversazione intercorsa tra un operatore del call center CUP (Centro Unico Prenotazioni) e un utente. Molte sono le lamentele, tante le persone che si chiedono il motivo per cui debbano pagare un servizio per l'assistenza medica tenendo conto, tra l'altro, che se capita di non avere in mano la richiesta del medico riattaccano senza indugio. Infatti, il numero è a pagamento, ragion per cui, quando l'operatore riattacca tocca richiamare e attendere in linea per non perdere la priorità. Telefonando da fisso al costo di una telefonata urbana o da cellulare secondo la tariffa del gestore telefonico. In alternativa ci si può rivolgere alle farmacie convenzionate alle quali, però, non è permesso di fissare tutte le visite. Come mai non è stato inserito un numero verde gratuito attivo 24 ore anziché uno a pagamento? Accesso facile al sistema di prenotazioni, possibilità di prenotare la prestazione in ogni struttura, scegliendo il luogo di erogazione in base alle esigenze, bisogni e necessità dell'utente. Così è scritto sul sito ma sembrano esserci alcune inesattezze. Talvolta gli orari non corrispondono e, attualmente, telefonando dal cellulare, la voce guida ci indica la possibilità di prenotare solo il pomeriggio, creando disagio a chi si trova fuori casa per motivi di lavoro e non è in possesso del telefono fisso, tralasciando - come se ciò non bastasse - la pazienza e la cortesia. Gli operatori, infatti, non attendono neanche solo un istante per dare la possibilità all'utente di comunicare i dati relativi alla prenotazione. In sostanza, un po' troppi limiti per un servizio che dovrebbe essere un diritto. Il Direttore Generale e il Direttore Amministrativo dell'ASP di Reggio Calabria, tramite l'ufficio stampa, ci hanno comunicato che il numero è stato sempre a pagamento fin dall'inizio e che verificheranno al più presto eventuali inefficienze.

Autore: 
Katia Candido
Rubrica: 

Notizie correlate