Gianni Speranza: È stato giusto acquistare il teatro Grandinetti

Mar, 20/11/2018 - 12:00

In seguito all’esposto dell’onorevole D’Ippolito alla Procura della Repubblica sul teatro Grandinetti, sono tornato a occuparmi della vicenda perché fu l’amministrazione da me diretta ad acquistare, nel 2010, i locali del teatro dal Tribunale di Lamezia (e non da privati). Ho parlato con i protagonisti del contratto di compravendita e ho riletto le carte che sono riuscito a procurarmi. Io personalmente ho appreso di un manufatto abusivo sulle vie di fuga dalle parole di D’Ippolito. Dalle carte che ho potuto leggere, posso affermare che anche l’amministrazione comunale formalmente non era informata. Si tratta di un muretto che sabato scorso è stato demolito. Ho riletto l’atto notarile di vendita del teatro e gli allegati. In questi atti non si fa alcun cenno alla questione. Se è necessario mostrerò pubblicamente le carte che mi sono procurato. Il dott. Giuseppe Costanzo, amministratore del Teatro per conto del Tribunale, con il quale ho parlato venerdì scorso e che ringrazio per la gentilezza, mi ha raccontato che nel 2009 (15 mesi prima dell’acquisto) ritenne di inviare una raccomandata specificatamente ed esclusivamente all’hotel Rossini. Vorrei ricordare che, successivamente all’acquisto, i locali sono stati aperti e hanno funzionato come cinema e come teatro. A distanza di anni rivendico con umiltà ma con dignità la bontà della decisione di comprare il Teatro Grandinetti. Innanzitutto, la scelta dell’amministrazione fu condivisa dal Consiglio Comunale che deliberò formalmente l’acquisto. La stragrande maggioranza delle forze politiche e culturali e l’associazionismo cittadino manifestarono consenso e sollecitarono a far presto. Non lo comprammo sul libero mercato ma dal Tribunale al quale chiedemmo ripetutamente nel corso degli anni e ottenemmo di ridurre la cifra di acquisto. Se non lo avessimo comprato, oggi in quel luogo sarebbe sorto un supermercato, una banca, un albergo ecc. Così come è avvenuto in tanti comuni italiani. E la città ci avrebbe rimproverato in eterno di non aver avuto la giusta determinazione. Tecnici esperti sostengono che la spesa effettuata dal Comune sarebbe stata moltiplicata almeno per tre se avessimo deciso di costruire un nuovo teatro. La scelta è stata giusta, ma non escludo assolutamente che si siano fatti errori nel procedere. Anche una scelta giusta e lungimirante operata per il futuro della comunità può contenere degli errori nel lavoro degli uffici. Ma tutti abbiamo ormai imparato che non bisogna buttare il bambino con l’acqua sporca ma lavare il bambino.

Gianni Speranza

Rubrica: 

Notizie correlate