I mastri birrai della Locride a confronto per creare un consorzio

Dom, 08/04/2018 - 13:00

I mastri birrai del nostro comprensorio stanno unendo le proprie forze per dare vita a una filiera che permetta loro di far conoscere i nostri prodotti in tutto il mondo. È con quest’ottica che, nella giornata di oggi, i Birrifici J4, di Caulonia, Limen, di Siderno, e il Piccolo Avamposto Birraio di Locri, si riuniranno per una giornata che permetterà loro di confrontarsi con i produttori agricoli e i laboratori universitari con l’intento di riunire i produttori di malto, luppolo e lievito della zona sotto un unico vessillo e creare così una birra che sia calabrese fino all’ultimo atomo. Questo collegamento tra aziende e produttori si rinsalderà con il tempo attraverso un ciclo di incontri itineranti, che si svolgeranno nel corso del tempo presso i più importanti birrifici di tutta la regione al fine di raccogliere quanti più consensi sia possibile. Si comincia oggi, con un confronto che sarà aperto da una breve lezione di microbiologia seguita da un workshop di Giovanni Gatti presso la sede del birrificio J4, a termine del quale si svolgeranno un dibattito e una tripla degustazione guidata gratuita non solo presso il birrificio di Caulonia, ma anche presso il Limen di Siderno e il PAB. La lunga giornata degli addetti ai lavori si concluderà proprio a Locri con la presentazione del progetto Calabria Beer Lab, al termine della discussione del quale il Piccolo Avamposto Birraio di via Roma 30 aprirà le proprie porte eccezionalmente di domenica a partire dalla ore 19:30, quando offrirà, assieme ai colleghi di Caulonia e Siderno, assaggi di birra e un buffet dai sapori nostrani a tutti coloro gli ospiti del locale. Al pubblico sarà data la possibilità di scegliere tra le tre birre Golden Ale prodotte rispettivamente a J4, Limen e PAB, prodotti per tutti i gusti che, per caratteristiche di base, possono accompagnare in scioltezza la medesima selezione di sapori, ma che stupiranno il pubblico per il sapore unico e inconfondibile, che permetterà loro di distinguersi immediatamente dalle classiche lager da supermercato. La serata, in qualche modo, fungerà da “indagine di mercato” utile ai mastri birrai a comprendere meglio quali sapori preferisce degustare il grande pubblico, considerato che il bilancio delle birre spillate permetterà a tre birrifici coinvolti di capire quale dei loro prodotti sia stato maggiormente apprezzato e permetterà anche agli “sconfitti” di comprendere in che modo migliorare le proprie birre al fine di renderle più gustose per tutti.

Rubrica: 

Notizie correlate