I tipi da spiaggia (3ª parte)

Dom, 12/07/2015 - 16:40
"C'è il tipo chic, c'è il tipo shock, c'è il tipo shake. Ma guarda quanti ce ne sono tipi tipi tipi tipi tipi tipi tipi da spiaggia" cantava Johnny Dorelli in un film del lontano 1959. Ce lo siamo imposte e armate di scherma solare similstucco e panama - che dicono renda irresistibilmente affascinanti - abbiamo trascorso una giornata al mare limitandoci a rintracciare 16 tipi tipici delle nostre spiagge.

La donna con il ciclo
Se può contare su un fisico atletico, sfoggia mini mini shorts neri; se più in carne, indossa il pantaloncino extralarge della divisa da calcetto del compagno. A volte capita che scenda in spiaggia anche in pigiama. Si fa il bagno a zone: braccia, pancia, schiena, gamba fino al ginocchio, viso, nuca, decoltè. E se si imbatte nel bambino spruzzatore seriale lo affoga. "Ho il ciclo, mi assolveranno". Poi torna al suo posto, generalmente all'ombra, e si mette in modalita REC. Ascolta qualunque tipo di discorso e farfuglia tra sè e sè in vietnamita, e appare ora irritata, ora commossa, ora lunatica. A volte la riconosci perchè mangia pane cioccolata e gamberetti oppure piange perchè il genitore cattivo alla fine ha davvero tirato la "tappina" numero 47 al suo bambino e adesso non può che partecipare straziata al suo dolore.

Il rimorchiatore
Di solito è il capofila dei guardoni ma agisce anche in solitaria. Tenta approcci tra il penoso, il ributtante e il "Non gabbu e mancu maravigghia". Approccio A: "Credi nell'amore a prima vista o ripasso più tardi?". Approccio B (guardandoti le tette con la faccia da Tonio Cartonio che imita Riccardo Schicchi): "Buongiorno a tutti e tre". "Approccio C: "Di tutte le ragazze che ho incontrato tu sei una di esse!".

Il facchino
Avete presente il rompicapo del contadino che deve portare al di là del fiume una capra, un cavolo e un lupo al bordo di una barca che può contenere solo lui stesso e uno dei tre "passeggeri"? Il facchino dopo aver girato due ore per trovare parcheggio all'ombra (perchè la compagna non potrebbe mai sopportare la cappa di calore che troverebbero allacciata alle cinture al loro ritorno), scende dalla macchina e non sa cosa caricarsi per primo: c'è l'ombrellone-capanna, la borsa da mare, la borsa frigo, il chihuahua, la borsa del cane, il materassino, le racchette, che non saranno mai usate ma fanno tanto estate, e la fidanzata a cui scottano i piedi. Vorrebbe tanto mollare tutti lì al parcheggio e scappare a Ibiza ma sa che la suocera andrebbe a trovarlo fin lì. E così si fa il segno della croce, promette a se stesso di erigersi una statua prima o poi, e sovraccaricato come un mulo si fa 200 m di spiaggia, che sembrano non finire mai, sotto 45° all'ombra. E mentre ansimante si appropinqua alla battigia, deve anche sentirsi dire dai bagnanti: "No, non mi serve niente, grazie!".

Il calabrese emigrato al nord
Lo riconosci perchè di solito è seduto nei pressi della battigia, senza telo che fa tanto selvaggio, e parla apparentemente con un interlocutore: "Bisogna prendere ragionevolmente contezza che la Calabria così ridotta non può andare avanti. Mi rifiuto di aderire alla tesi lombrosiana secondo cui tutti coloro che sono nati al di sotto del Garigliano siano imbecilli. Credo che noi calabresi abbiamo delle potenzialità che non sappiamo sfruttare, dovremmo potenziare le nostre dotazioni tecnologiche (???) ma purtroppo non abbiamo la capacità di leggere in chiave strategica tutto ciò che resta una grande potenzialità! Sei d'accordo, Lina?" - "Oh Nicò, la vuoi una melangiana china?".

Novella 2000
Avete dimenticato di portarvi dietro una rivista da spiaggia? Nessun problema, c'è lei Novella 2000 de noantri. Generalmente la trovate sotto l'ombrellone con il pareo legato alla vita per coprire la cellulite oppure è a passeggiare a pochi metri dalla riva affiancata da due povere sventurate che come lei hanno creduto alla storia (messa in giro dai mariti che si vogliono levare dalla balle quella stramaledettissima logorroica e unirsi i puntini della settimana enigmistica in santa pace) che camminare in acqua favorisce un massaggio che migliora la circolazione riducendo gli inestetismi della cellulite. Novella 2000 va al mare solo per deliziarvi con i suoi racconti a ciclo continuo in cui potrete inserirvi al massimo con un "davvero?", "ma dai!", "ma dici sul serio?", "u Signuri 'ndi libera!". Sa chi si è sposato, lasciato, ripreso, riprodotto, durante l'inverno, con chi si è fidanzata la figlia della cognata della cugina di Giusy che adesso è a Londra "perchè qui non vuole rimanere più nessuno che l'università ha montato la testa a tutti".

Il bagnante-bagnante
Rarissimo esemplare della fauna psammofila, il bagnante-bagnante è quello che va in spiaggia per nuotare, godersi il mare, il sole, riposarsi e ritemprarsi. Come faccia non è dato capire.

Autore: 
Lidia Cogliandro e Maria Giovanna Zitara
Rubrica: 

Notizie correlate