Il 22 ottobre la Locride si mobiliti contro il referendum per l'autonomia di Lombardia e Veneto

Lun, 04/09/2017 - 18:21

Giorno 22 ottobre, su iniziativa dei rispettivi governatori, Lombardia e Veneto voteranno il referendum sull'autonomia.

Non si tratta di una iniziativa ridicola o di nessuna importanza. Non c'è più Umberto Bossi a raccogliere l'acqua del Po nella sacra ampolla, e i celti con le corna non si aggirano più a Pontida.

Oggi si parla molto più concretamente di soldi da trattenere al Nord. Ancora una volta, la "questione settentrionale" avrà la funzione di oscurare il Sud degli emarginati riducendo tutto ad una mera questione criminale.

La classe politica meridionale è dormiente, o peggio, complice e subalterna. Noi, pur consapevoli della nostra debolezza organizzativa, ci sentiamo in dovere di tentare una reazione dal basso muovendo dalla più delicata "faglia" sociale d'Italia: la Locride!

La "barricata" dietro cui intendiamo Resistere è l'articolo 3 della Costituzione che noi chiediamo venga considerato prescrittivo dal Parlamento e dal Governo italiano. E per quanto riguarda la Calabria il ripristino dello Stato di diritto e la fine della criminalizzazione del popolo calabrese.

Vi chiediamo pertanto di incontrarci nella Locride, giorno 22 ottobre prossimo, per una forte mobilitazione popolare.

Aderite anche voi!

 

Firmatari

Pino Aprile scrittore

Mimmo Gangemi scrittore

Mimmo Lucano sindaco

Rosario Rocca presidente comitato sindaci

Mario Filocamo magistrato

Vito Perruccio dirigente scolastico

Don Giuseppe Svanera parroco

Mario Diano operatore turistico

Furfaro Lina scrittrice

Giuseppe Grenci sindaco

Pietro Fuda sindaco

Giovanni Calabrese sindaco

Giampaolo Catanzariti avvocato

Pier Paolo Zavattieri sindaco

Mimmo Panetta esponente Sinistra

Cesare De  Leo sindaco

Walter scerbo sindaco

Giuseppe Ferraro docente Università Napoli

Marisa Romeo professoressa

Maria Giovanna Cogliandro giornalista

 

Coordina Ilario Ammendolia

Rubrica: 

Notizie correlate