L’ambasciatore olandese visita Gioia Tauro: “Tante opportunità di sviluppo”

Gio, 28/06/2018 - 10:40

Si è chiusa a Gioia Tauro l'intensa tre giorni organizzata da Unindustria Calabria e Confindustria Reggio Calabria che ha visto protagonista l'ambasciatore dei Paesi Bassi Joep Wijnands. Una missione economica e istituzionale fortemente voluta dall'Ambasciata olandese per osservare da vicino il contesto socioproduttivo calabrese e le opportunità di sviluppo in particolare nei settori della logistica, della ricerca, del turismo e dell'agroalimentare.
L’ambasciatore (affiancato dall'addetto Affari Economici, Chris Schoenmakers e dal console dei Paesi Bassi a Napoli, Gennaro Borriello) è stato accolto nella sede dell'Autorità portuale dal segretario generale Saverio Spatafora e dalla delegazione degli industriali composta dal vicepresidente sezione Elettronica ed Elettrotecnica di Unindustria, Giampiero Mele, dal direttore e dal presidente sezione Agroalimentare di Unindustria Calabria, Rosario Branda e Fortunato Amarelli e per Confindustria Reggio Calabria dal presidente, Giuseppe Nucera, dal direttore Francesca Cozzupoli, dal presidente dei Giovani Industriali, Samuele Furfaro e dalla responsabile sportello Internazionalizzazione, Mariella Costantino. Presente all'incontro anche l'assessore regionale al Sistema della logistica, sistema portuale e sistema Gioia Tauro, Francesco Russo, che ha illustrato le opportunità di investimento e gli strumenti agevolativi in Calabria nei diversi settori ed in particolare le occasioni di sviluppo legate alla Zes.
"Abbiamo accolto con grande favore – ha detto Spatafora - l'interesse dell'Ambasciata olandese verso Gioia Tauro. Abbiamo bisogno di rilanciare le relazioni in chiave istituzionale per fare emergere le tante potenzialità che quest'area può esprimere. Stiamo lavorando con grande impegno sulla Zes, sulla ripartenza dell'area retroportuale e della logistica. Vogliamo superare gli stereotipi negativi che hanno leso l'immagine di questa infrastruttura per lungo tempo e riaffermare gli aspetti positivi di un sito che riveste una fondamentale importanza sotto i profili economici e occupazionali".
Obiettivo dei rappresentanti olandesi è quello di “rafforzare le relazioni tra il nostro Paese e territori italiani”, ha detto Wijnands. “C’è ancora poca conoscenza della Calabria e l’obiettivo è stabilire da subito una solida rete di contatti. L’interesse verso il Sud è molto forte, specie nei settori agroalimentare, turistico, logistica e portuale, tutti asset strategici sui quali vogliamo lavorare. Legalità e sviluppo sono elementi centrali anche per noi. L’ambasciata opererà quale elemento di raccordo tra le autorità e  le imprese. Ho visto in Calabria e a Gioia Tauro un contesto pieno di opportunità. Il turismo può essere un primo step in grado di agevolare la reciproca conoscenza, come accade ormai da tempo in Sicilia e Puglia. Gioia Tauro ha una posizione cruciale nel Mediterraneo, per noi questo è un aspetto molto importante perché apre scenari su un mercato di grande interesse, quale crocevia di traffici e reti di primaria importanza”.
Di giornata molto importante ha poi parlato Nucera, evidenziando il grande rilievo, politico ed economico, della visita dell’ambasciatore, “per le imprese che operano nel porto e che hanno mostrato subito grande interesse e partecipazione verso questa iniziativa. Su Gioia Tauro stiamo conducendo un lavoro incessante, partito già all’indomani del mio insediamento con la prima assemblea convocata proprio in un’azienda di questa zona. E a febbraio abbiamo avuto il presidente nazionale Boccia per una delle assise di Confindustria sul Mezzogiorno. Segnali e azioni concrete per ribadire che le imprese sono determinate nel voler attuare forme di sviluppo e crescita in un contesto di legalità e operando al fianco dello Stato che da anni, ormai, sta conducendo un lavoro straordinario sul fronte del contrasto alla ‘ndrangheta e ai suoi patrimoni illeciti. L’impegno degli imprenditori è anche quello di cancellare l’immagine negativa appiccicata addosso a Gioia Tauro, anche alla luce di dati oggettivi come quelle recentissimi forniti dalla Dia che non vedono più questo porto come sito di riferimento per i traffici di stupefacenti. Con l’Olanda intendiamo, inoltre, avviare un percorso sul turismo cultura ed enogastronomia attraverso un workshop che partirà in autunno con il coinvolgimento dei loro tour operator”.
Amarelli ha sottolineato come in un'epoca in cui l'informazione viaggia alla velocità della luce, “anche le produzioni hanno necessità di esser distribuite con altrettanta celerità. L'agroalimentare è il settore che sta crescendo di più in Calabria e le sinergie che possono aprirsi tra le nostre realtà e quelle olandesi potrebbero favorirle. Ringrazio l'ambasciatore ed il presidente di Unindustria Calabria Natale Mazzuca per aver costruito questa missione, condivisa con le istituzioni, puntando su ricerca, agroalimentare e logistica, driver essenziali per lo sviluppo del territorio".
In chiusura l’imprenditore Eugenio Guarascio di Unindustria Calabria ha sollevato il tema delle sinergie sui fronti del dissesto idrogeologico, della sicurezza del territorio e della gestione delle acque, auspicando “un confronto con le realtà olandesi che su questi settori hanno un know-how avanzatissimo”.

Ufficio stampa Confindustria Reggio Calabria

Rubrica: 

Notizie correlate