Lazzaro. Chiusura tratto di strada via dei Cedri, abitanti isolati

Gio, 23/02/2017 - 16:30

Nella mattinata odierna è stato chiuso il tratto di strada interessato dalla frana, in esecuzione dell’ Ordinanza contingibile e urgente nr.  04/17 prot.  2954 del 21/02/2017, emessa dal Sindaco del Comune di Motta San Giovanni al fine di  assicurare la tutela dell’incolumità pubblica, garantendo così l’interesse pubblico primario, con la minor compressione possibile di quello privato.  Non è stato però individuato un percorso alternativo, pertanto gli abitanti di Paolia a monte della frana sono isolati. In caso di necessità e urgenza non è possibile l’intervento dei mezzi di pubblico soccorso, né ad alcuni abitanti è possibile accudire gli animali.
Pur consapevoli come in precedenza detto che la situazione non è di facile soluzione, tuttavia dobbiamo rilevare che l’emergenza non è stata gestita come si dovrebbe.
Atteso che con la indispensabile chiusura della strada la popolazione di Paolia a monte della frana è isolata, chiediamo l’Intervento della Presidenza del Consiglio dei Ministri per la risoluzione dell’urgenza e per il sollecito dei finanziamenti riguardanti i lavori di messa in sicurezza delle abitazioni di Paolia.
Sottolineiamo ancora una volta che le verifiche, soprattutto quelle geologiche, debbono riguardare anche le abitazioni, circa dieci famiglie, situate a pochi metri dell’evento franoso, i cui abitanti ritengono che i loro immobili sono a rischio frana. Se del caso procedere allo sgombero coatto. Con riferimento ai finanziamenti, si richiama la nota del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare prot. 0017821 del 9.11.2015, riguardante analoghe situazioni  di  dissesti  da  me  segnalati  nel  territorio di Reggio Calabria e Motta SG, il precitato Ministero ha comunicato che qualora le cause delle criticità esposte dallo scrivente  fossero  di  natura  idrogeologica,  eventuali  richieste  di  finanziamenti per la realizzazione di interventi di mitigazione del rischio idrogeologico potranno essere formulate al predetto Ministero mediante il sistema ReNDiS (Repertorio Nazionale degli Interventi per la Difesa del Suolo).
Con l’Occasione gli abitanti di Paolia e la scrivente associazione  ringraziano soprattutto S.E. il Signor Prefetto e i suoi funzionari interessati che hanno dimostrato particolare interesse e grande sensibilità verso la problematica rappresentata da questa associazione, nonché  tutte le altre Istituzioni e Enti a nostra conoscenza intervenuti tra cui: Vigli del Fuoco di Reggio Calabria , Protezione Civile, Funzionari della Citta Metropolitana, ex Provincia, Settore 13 - Difesa del suolo e Salvaguardia delle coste - Edilizia e Impiantistica sportiva - Ambiente ed Energia - Demanio idrico e fluviale, ENEL,

Vincenzo CREA
e Referente unico dell’A.N.CA.DI.C Onlus
Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto”

Rubrica: 

Notizie correlate