Locri: Il resoconto delle manifestazione in ricordo di Francesco Fortugno

Mar, 16/10/2018 - 18:40

Nel segno dello sport e della legalità si è svolta a Locri la manifestazione commemorativa in ricordo di Francesco Fortugno, vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria assassinato dalla 'ndrangheta il 16 ottobre del 2005.
L'evento, come di consueto, ha coinvolto rappresentanti delle istituzioni, forze dell'ordine e naturalmente tantissimi giovani, veri protagonisti di di un appuntamento che da 13 anni coniuga legalità, cultura e impegno civile.
Ospiti d'eccezione della giornata due testimonial sportivi di primissimo piano, appartenenti di un prestigioso gruppo sportivo, quello delle Fiamme Oro della Polizia di Stato: Valentina Vezzali, da molti considerata la più grande schermitrice di sempre, vincitrice tra l'altro di 6 medaglie d'oro alle Olimpiadi, 16 ori mondiali, 13 ori europei, 5 ori alle Universiadi e 2 ori ai Giochi del Mediterraneo e Francesco D'Aniello, tiratore al volo della specialità double trap, che vanta nel suo palmares un argento olimpico, tre ori e un argento ai Mondiali e un oro agli Europei.
Dopo la santa messa officiata dal vescovo di Locri-Gerace, monsignor Francesco Oliva, nella cappella dell'ospedale di Locri, si è svolta la deposizione della corona da parte delle Istituzioni dello Stato a Palazzo Nieddu alla presenza, fra gli altri, del Comandante in seconda della Guardia di Finanza, Filippo Ritondale. 
La manifestazione è poi entrata nel vivo con la tavola rotonda ospitata dal liceo Scienze umane e Linguistiche di Locri "Giuseppe Mazzini", dal titolo "Sport e Legalità. Avversari sempre, nemici mai" alla presenza di Maria Grazia Laganà Fortugno, vedova del vicepresidente del Consiglio regionale calabrese, Valentina Vezzali, Francesco D'Aniello, del presidente del Coni Calabria, Maurizio Condipodero e del Generale di brigata della Guardia di finanza, Raffaele Romano.
Il dibattito, coordinato dal giornalista Rai Antonio Lopez, ha preso il via dopo i saluti istituzionali di Francesco Sacco, dirigente scolastico istituto "Mazzini" di Locri, Nicola Irto, presidente del Consiglio regionale della Calabria, Anna Rosa Sofia, assessore all'Istruzione del Comune di Locri e Francesco Russo, vicepresidente della Regione Calabria. 
D'Aniello: "Lo sport regala sempre emozioni fortissime e così è stato anche per me, ovvero il coronamento di un percorso fatto di impegno e sacrificio. Ogni disciplina sportiva insegna prima di tutto il rispetto delle regole, lo sport è educazione e formazione e aiuta in modo straordinariamente efficace ad apprendere i valori essenziali del vivere civile. E' una continua sfida con se stessi, l'invito a mettersi in gioco, ad affrontare la vita con coraggio e determinazione. 
Vezzali: "Essere a Locri è molto importante, perché la partecipazione è il modo migliore per promuovere legalità e impegno civile. Nella mia vita ho avuto la fortuna di incontrare educatori e maestri eccezionali e credo che si debba sottolineare, prima ancora delle gesta dei campioni, il valore e la centralità della formazione. Da soli non si va da nessuna parte, insegnanti, formatori, educatori sono figure irrinunciabili. La scherma per me è stata una scuola di vita e molti ragazzi che hanno condiviso con me il percorso sportivo, sono diventati atleti di grandissimo livello ma soprattutto persone dotate di coraggio e con degli obiettivi di vita chiari. Ogni ragazzo ha un sogno e su questo occorre lavorare, con impegno e rispetto nei confronti degli altri. Nella scherma iniziamo con il saluto e terminiamo con una stretta di mano perché l'avversario è fondamentale per poter lavorare su noi stessi e confrontarci con i nostri limiti. Lo sport insegna a progettare la vita obiettivo su obiettivo. Dopo la seconda Olimpiade vinta ho deciso di diventare mamma ma ho sempre voluto fare anche l'atleta. Anche questa è stata una piccola, grande sfida che sono riuscita a vincere. Essere portabandiera è stato un grandissimo orgoglio, un momento altissimo che mi ha fatto riflettere sull'importanza di essere un esempio. Il nostro Paese è in un momento difficile, specie per i giovani, ma come comunità possediamo le risorse per uscire da questa fase negativa".
ondipodero: "Vezzali e D'Aniello hanno lanciato messaggi importanti, focalizzando un concetto fondamentale che è il rispetto. L'esempio è un altro fattore imprescindibile di cui oggi la società ha bisogno, in ogni contesto. Per questo è necessario rilanciare l'impegno, in primis delle istituzioni, per la crescita dello sport. Abbiamo intrapreso un percorso nuovo nella nostra regione, con l'obiettivo di far tornare i giovani alla pratica sportiva e alle discipline di base". 
Romano: "Ripartire dai giovani è la priorità, il nostro corpo non a caso crede moltissimo nella formazione sportiva giovanile. Formazione che pone le sue basi sui valori della legalità, della lealtà, dell'uguaglianza e del rispetto delle regole. Sport dunque come scuola di vita e straordinario strumento educativo anche nell'ottica del miglioramento degli standard qualitativi di vita".
La giornata si è conclusa con la deposizione della corona al cimitero di Locri da parte del Presidente del Consiglio regionale.

Rubrica: 

Notizie correlate