Locri: L’ArcheoClub parla del Codice Romano Carratelli alla Notte dei Musei

Mer, 16/05/2018 - 11:00

Sabato 19 Maggio 2018 alle ore 19 presso il Parco archeologico di Locri Epizefiri , L' ArcheoClub d'Italia- sede di Locri - in collaborazione con il Museo Nazionale di Locri presenta " Il Codice Romano Carratelli " in occasione della " Notte dei Musei " pronossa dal MIBACT .
La serata sarà scandita dai saluti iniziali della dott.ssa Rossella Agostino direttrice del Museo e Parco di Locri Epizefiri , del Presidente dell'ArcheoClub Nicola Monteleone , dell'On. Domenico Romano Carratelli e dagli interventi della Prof.ssa Simonetta Conti e dell' Ing.Giuseppe Macri' socio di Deputazione Storia Calabria.

Il Codice Romano Carratelli è un manoscritto In Folio probabilmente risalente al XVI  sec. Consta di 99 acquerelli che raffigurano Oppidum, Castelli , Sistemi Difensivi della Calabria Ultra con riferimenti specifici al territorio della provincia di Reggio Calabria , Crotone e Vibo Valentia. Il Codice è di proprietà del Fondo della Biblioteca privata della famiglia Romano Carratelli ed è vincolato dal Ministero dei Beni Culturali con decreto n.165; È stato proposto ed avviato il procedimento burocratico dalla Regione Calabria affinche' il manoscritto, vista l' alta valenza storiografica e culturale , venga inserito come bene del patrimonio UNESCO.

" In qualità di Presidente dell'ArcheoClub di Locri sento il dovere di esprimere la massima soddisfazione per la realizzazione dell'iniziativa che credo non apporti solo un momento di accrescimento culturale ma anche di piena valorizzazione del nostro patrimonio storico - archeologico . Rivolgo un plauso di riconoscenza alla dott.ssa Rossella Agostino direttrice del Museo di Locri che sin da subito ha condiviso l'idea e che disponibile , come sempre , ha confermato l'importanza che  iniziative di tale spessore culturale si svolgano nell'area del Parco Archeologico di Locri;  all'On.Domenico Romano Carratelli sempre vicino alla nostra cultura ed ai nostri progetti , custode di un'eredità culturale e storiografica ineguagliabile ed infine ai realatori nella persona della Prof.ssa Simonetta Conti insigne studiosa e l'ing. Pino Macri' , sicuro che con i loro interventi riusciranno a tracciare un excursus storico dettagliato sull'importanza e la storia del Codice Romano Carratelli. "

Notizie correlate