Malincunia

Lun, 11/03/2019 - 17:00

Caluri i focularu
mo’ spandi supa i mia,
a vampa i scuru e chjaru
mi teni cumpagnia.

Non è nenti i speciali
pa ognunu comu a mmia
ma u luci è nu fanali
chi mi riporta a ttia.

E trasu nta’ stu mundu
chjnu i particulari
nu canaluni fundu
randi comu nu mari.

Chjanu chjanu mi stupitisci
ca pettini e m’allisci,
mi torni giuvaneglju
i corpu vecchjaregliu.

… Cridi i futtiri a mmia
non daj p’avundi u vaji
ca si’ a malincunia,
… si’ n’ura chi sa fuji.

Martin

 

Malinconia

Il calore del camino
si spande su di me,
la fiamma tremolante
la mia compagna costante.

Non è niente di speciale
per quelli come me
il fuoco come fanale
mi fa ripensar a te.

Mi affaccio su un mondo
pieno di particolari,
un canalone fondo
immenso come il mare.

Piano piano tu mi intorti
con moine mi conforti,
mi illudi di giovinezza
poi di colpo son mondezza.

Credi di fregarmi,
ma ho imparato a bastarmi:
sei solo malinconia…
un'ora sola e poi ti scaccio via.

Rubrica: 
Tags: