Ministra Grillo: "La sanità in Calabria è ai confini della realtà"

Mer, 06/03/2019 - 16:45

"Quello che ho visto a Locri è terribile - ha dichiarato nel corso della conferenza stampa tenuta nel primo pomeriggio di oggi presso la Prefettura di Reggio Calabria. - I Nas hanno completato un’ispezione a gennaio e ci sono alcuni dati scioccanti: 1.765 medicinali scaduti in Pneumologia, ascensori, sterilizzatori, gruppo elettrogeno non omologati. E non si tratta solo di reati penali, ma anche di mala gestio dal punto di vista amministrativo". Il nosocomio di Locri, ha aggiunto la ministra, versa in una "situazione strutturale terribile, nonostante gli sforzi di alcuni sanitari".

Condizione analoga all'ospedale di Polistena: "Anche lì ci sono carenze di organico spaventose, pur essendo state previste mille assunzioni con lo sblocco del turn over, non è stato bandito alcun concorso. Ci sono pochissimi medici e infermieri. A Polistena l’osservazione breve intensiva è chiusa, la sala emergenze è chiusa, c’è una sola ambulanza medicalizzata".

Una situazione quella della sanità calabrese che la ministro Giulia Grillo ha definito "allucinante", "ai confini della realtà". È per questo che ha deciso di presentare al Consiglio dei ministri un decreto straordinario che preveda "laddove fosse necessario" la sostituzione dei direttori generali delle Aziende sanitarie e ospedaliere e dei direttori sanitari e amministrativi. La ministra ha già chiesto l’appoggio del premier Conte e dei ministri e il decreto straordinario annunciato "andrà a favore della Calabria perché la sanità non sia più indegna".

Rubrica: 

Notizie correlate