Mostra la pistola a un amico e lo ferisce. Arrestato

Lun, 13/04/2015 - 12:52
È successo a Mesoraca. Il giovane è stato tratto in arresto dai carabinieri per lesioni personali e detenzione illegale di armi.

I Carabinieri della Stazione di Mesoraca hanno tratto in arresto Pasquale Matarise, cl’85 per lesioni personali colpose e detenzione illegale di armi. Alle ore 19.30 presso la Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Petilia Policastro giungeva una comunicazione da parte del Poliambulatorio del Comune di Mesoraca riguardo al ricovero di un ragazzo, avvenuto pochi minuti prima, il quale presentava ferite derivanti da colpi d’arma da fuoco. Immediatamente si precipitavano presso la struttura i Carabinieri della locale Stazione unitamente ai colleghi del Nucleo Operativo per i necessari accertamenti del caso: da una prima ricostruzione dell’accaduto, il giovane colpito da un colpo d’arma da fuoco - B.P.cl’91, incensurato- si stava intrattenendo presso la piazza Padre Reginaldo della frazione Filippa quando un suo conoscente, in quel frangente in possesso in maniera illegale di una pistola automatica, presumibilmente per vantarsi dell’arma, la estraeva dal giubbotto e puntandola in avanti faceva accidentalmente partire un colpo che attingeva il giovane malcapitato nel fianco. Immediatamente il feritore, presumibilmente preso dalla paura, si dava a precipitosa fuga mentre il giovane ferito veniva trasportato, come detto prima al poliambulatorio di Mesoraca e poi con l’ambulanza presso l’Ospedale San Giovanni di Dio di Crotone in codice rosso ma non in imminente pericolo di vita. Mentre i colleghi del Nucleo Radiomobile cercavano di escutere in qualità di testimoni alcuni soggetti (compreso il ragazzo ferito approfittando di alcuni frangenti di lucidità) i Carabinieri della Stazione, coadiuvati da altre pattuglie, con i colori d’istituto e con le targhe di copertura, inviate urgentemente nel centro silano, davano la caccia al Matarise effettuando perquisizioni ed ispezioni in alcune abitazioni e locali; intorno alle 23.30 la tenacia ed il buon senso del Comandante di Stazione, Maresciallo Ordinario Pasquale Lo Gallo, riuscivano ad avere la meglio poiché proprio il Sottufficiale riusciva a contattare al telefono il fuggitivo ed a convincerlo a desistere dal continuare a fuggire, per non peggiorare la sua già grave situazione. Intorno a mezzanotte i militari riuscivano quindi ad individuare il Matarise, il quale a seguito di perquisizione personale veniva trovato in possesso di una pistola semiautomatica cal. 6,30 ( con matricola non leggibile) e quindi dichiarato in arresto in quasi flagranza dei reati di possesso di armi e lesioni personali colpose. Il Matarise, al termine delle operazioni di foto segnalamento, veniva quindi trattenuto per la notte nelle camere di sicurezza della Caserma di Petilia Policastro, per poi essere tradotto nella prima mattinata di oggi nella Casa Circondariale di Catanzaro- Siano come disposto dalla Dottoressa Luisiana Di Vittorio, Sostituto Procuratore di turno. L’arma sequestrata come da procedura standard verrà inviata nei prossimi giorni presso il R.I.S. di Messina per l’identificazione matricolare e per chiarire se sia stata utilizzata o meno in ulteriori azioni delittuose.

Rubrica: 

Notizie correlate