Movimento nazionale su lavori viabilità a Reggio: “Strade o scorciatoie?"

Gio, 30/03/2017 - 13:02

Ci risiamo. Nel Suo peggior momento di popolarità, il Sindaco, in perfetto stile Renziano, cerca di tirare fuori dal cappello il coniglio, ma purtroppo per noi tutti è l’ennesima trovata pubblicitaria.
La notizia del rifacimento del manto stradale del sistema viario cittadino altro non è che il solito proclama - replica del “Piano Straordinario” presentato nel 2016, con l’aggiunta della trovata dell’algoritmo.
Ci si chiede che senso ha presentare un progetto oggi, se è già stato esposto nel recente passato e soprattutto se non vengono cantierizzati i lavori nell’imminenza, se non per distogliere l’attenzione dai reali problemi che attanagliano la città.
Entrando nel merito, non possiamo non rilevare come il Piano per il rifacimento del manto Stradale, al di là della denominazione risonante affibbiatogli, altro non è che una semplice e “gentile” ordinaria manutenzione di qualche via della città, che una Amministrazione seria e competente programma per tempo con fondi ordinari e non straordinari. A sentire il Sindaco, la bitumazione delle strade verrà finanziata con il Decreto Reggio, atto strategico finalizzato a dare un volto nuovo alla città con opere strutturali e che è stato rimodulato con sacrificio di alcune grandi opere tra le quali spicca per rimpianto il Waterfront di Zaha Hadid.
Siamo fiduciosi del fatto che, in materia di trasparenza, presto sia consentito ai cittadini l’accesso civico ai risultati elaborati dall’algoritmo, che ha fornito indicazioni circa i volumi di traffico da cui è scaturita la scelta delle arterie stradali oggetto d’intervento.
Non ci capacitiamo, infatti, di come mai non sia stata data precedenza alle vie principali delle periferie nord e sud, ridotte ormai a colabrodo, che rappresentano l’unico accesso alternativo alla città rispetto alla SS 106 ed alla Autostrada A2.
E siccome al peggio non c’è mai fine, nell’attesa che tutte le procedure amministrative vengano soddisfatte, siano individuate le ditte per l’esecuzione dei lavori e nella speranza che tutto fili liscio, ci auguriamo che venga scongiurata l’ipotesi di vedere la città “squarciata” in piena estate, con ulteriore sacrificio dell’immagine della stessa agli occhi di quei pochi turisti che verranno a visitarla.
Nella speranza che l’esecuzione dei lavori non si trasformi nel solito “cantiere infinito”, auspichiamo che anche l’opposizione presente in Consiglio Comunale vigili sulla realizzazione delle opere, al fine di garantire alla città che i procedimenti e l’esecuzione stessa si esauriscano nei tempi previsti.

Movimento Nazionale
per la Sovranità
Reggio Calabria

Rubrica: 

Notizie correlate