Pena ridotta per Giorgi, il sindaco di San Luca coinvolto in “Inganno”

Sab, 29/10/2016 - 13:01

L’inchiesta Inganno, condotta nel dicembre 2013 dalla Dda di Reggio Calabria, aveva rivelato un sistema di condotte amministrative volte a favorire le cosche di San Luca. Secondo gli inquirenti, l’ex sindaco Sebastiano Giorgi e il suo Assessore all’Ambiente Francesco Murdaca avevano assegnato abusivamente degli appalti per la riqualificazione del paese a famiglie di ‘ndrangheta secondo un criterio che premiava le cosche più influenti. Dopo la richiesta di condanna a 6 anni in primo grado tuttavia, a Giorgi, che aveva chiesto il beneficio del rito abbreviato, non è stato confermato il concorso esterno in associazione mafiosa, ma solo un reato contro la pubblica amministrazione, eventualità che gli ha permesso di vedere la propria pena abbassarsi fino a 2 anni e 8 mesi.
Fonte: Cronache delle Calabrie

Rubrica: 

Notizie correlate