Perchè il 26 dicembre è un giorno festivo?

Mar, 26/12/2017 - 10:00

Il 26 dicembre si ricorda Santo Stefano, il Primo Martire della Cristianità (Protomartire). Nei giorni successivi al Natale, infatti, vennero posti i “comites Christi”, ossia i più vicini al suo percorso terreno e i primi a renderne testimonianza con il martirio. Il giorno di Santo Stefano è una festa nazionale in Austria, Germania, Irlanda, Italia, Danimarca, Croazia, Serbia, Montenegro e Romania. L’Italia lo rese festivo nel 1949 mentre precedentemente era un normale giorno lavorativo; la Chiesa cattolica lo celebra altresì come festa religiosa, ancorché non di precetto, come invece è in Germania e altri Paesi germanofoni. Nel Regno Unito e in vari Paesi del Commonwealth si celebra altresì il Boxing Day, che corrisponde sempre alla festa di Santo Stefano a meno che non cada di domenica, nel qual caso si celebra il 27 dicembre. In Irlanda questo giorno è chiamato Lá Fhéile Stiofán o Lá an Dreoilín, mentre in Catalogna è chiamata Sant Esteve ed è un giorno di festa. Perché il 26 dicembre è considerato festivo? E’ frutto di un’iniziativa dello Stato volta a estendere le celebrazioni del Natale, un po’ com’è avvenuto per il Lunedì dell’Angelo (la cosiddetta Pasquetta). Quindi il giorno festivo non è dato dalla ricorrenza del Santo, anche se esponente importante dei Santi della Chiesa, ma esiste allo scopo di allungare le feste di Natale. Il giorno di Santo Stefano e il Lunedì dell’Angelo sono giorni festivi stabiliti dallo Stato, per rendere più solenni e fruibili le feste di Natale e Pasqua.

Rubrica: 

Notizie correlate