Porci e figghioli, comu i ‘mpari i trovi (seconda parte)

Lun, 23/07/2018 - 12:40
I briganti

17 luglio 2018. Ore 9:00. Mi trovo sulla spiaggia con figli e nipoti, tutti sotto i 13 anni tranne io (ovviamente). Ci sistemiamo vicino a un gruppetto di giovani che sono senza ombrellone, perché è una giornata assai ventosa ed ho paura che qualcuno si stacchi e ci colpisca dritto in testa com’è già successo a Siderno. Gli schiamazzi in acqua sono sempre ben accetti, specie quando vedi ragazzi divertirsi tutti insieme. -Bella cosa- penso. Dall’accento si capisce che sono milanesi, nessuno supera i 20 anni. -Beata giovinezza!- Fantastico tra me e me. Non sono passati neanche 3 minuti che rimpiango amaramente la scelta fatta. Sento urlare a voce piena parole, anzi parolacce, degne delle peggiori bettole, del calibro di: “caxxo fai? Sei uno strxxxo! Fatti i caxxi tuoi, e Dio cxx, e Dio bxxx, -ma soprattutto- orco Dxx!!”, ripetute e ripetute per tutto il tempo... Tempo speso malissimo quello, con me a cercare di parlare forte per tentare di coprire quelle voci scurrili, lanciando contemporaneamente occhiatacce dirette, che non arrivavano però ai destinatari. -La finiranno prima o poi!- Mi dico. Ma non la finiscono. Poi la goccia che fa traboccare il mio già colmissimo vaso: “passami la siga (che in italiano vuol dire sigaretta, ma i milanesi, si sa, amano risparmiare sillabe...) che me la fumo in acqua”. Coooosa? Ho sentito bene? E allora non ho potuto evitare il mio: “ragazzi non sporcate il mare con le vostre sigarette!” Al che uno di quelli si fa piccolo piccolo e mi dice “no, no, certo che no”. Beh, mi piacerebbe sapere cosa avrebbero fatto se nessuno gli avesse detto niente. I giovani! Ah quante cose potrei aggiungere ancora? I giovani milanesi! Oppure: I giovani milanesi che fanno parte di quel turismo “di ritorno”, ovvero parenti di seconda e terza generazione che vengono qui a scrocco credendo di poter fare i porci comodi loro, perché loro sono i super milanesi e noi altri i poveri mortali. Ecco, questo è un tipico esempio di turismo che non ci serve affatto! Anzi, è proprio mortificante: e chi li vuole dei parenti così zozzoni?

Autore: 
Brigantessa Serena Iannopollo
Rubrica: 

Notizie correlate