Reggio: Minacce di morte al sindaco Falcomatà

Ven, 08/09/2017 - 16:17

"Falcomatà ridacci l'acqua o sei un uomo morto". Questo il messaggio minatorio inviato ieri mattina al sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà. Mani anonime lo hanno tracciato su un foglio a righe, per poi incastrarlo dietro le inferriate che proteggono le finestre del primo piano di Palazzo San Girgio, sede del Comune. "Non è la prima volta che arrivano messaggi di questo genere. Ormai lettere e biglietti con minacce più o meno gravi arrivano con cadenza quasi regolare" - ha dichiarato il sindaco a Repubblica. Ma l'ultima, "è differente e forse per certi versi più preoccupante perché c'è un assurdo riferimento a una situazione specifica e strutturale" ragiona Falcomatà. "Sembra quasi che qualcuno creda o voglia far credere che la responsabilità della crisi idrica che affligge la nostra città, come molte altre città d'Italia, sia del sindaco. Come se io chiudessi deliberatamente gli acquedotti. Questo dà il metro del clima che si respira in città e che potrebbe diventare pericoloso". A Roma per motivi istituzionali, Giuseppe Falcomatà non ha ancora avuto modo di parlare con gli investigatori. A denunciare l'accaduto è stata la segreteria generale che ha consegnato alla Digos anche il nastro della telecamera che ha ripreso l'intera scena e potrebbe aiutare a individuare l'autore del messaggio. 

Rubrica: 

Notizie correlate