San Luca, Musmanno: "I lavori per la strada verso Polsi partiranno l'anno prossimo"

Lun, 13/05/2019 - 16:20

«Per garantire l’accesso al santuario della Madonna di Polsi, a partire dal mese di giugno sarà necessario intervenire su tutta la viabilità interna e sulle strade intercomunali. Peraltro è necessario assicurare anche una preventiva pulizia delle strade dalla neve, per cui noi abbiamo garantito un mezzo della protezione civile che, a partire dal 20 maggio prossimo, interverrà a tal scopo. Infatti è ancora presente della neve sulle strade e avremmo potuto agire già questa settimana, ma siccome la protezione civile ha indicato l’arrivo di una perturbazione che potrebbe portare ulteriori precipitazioni nevose, siamo costretti a rinviare l’intervento al 20 maggio. Considerando l’intervento strategico sul lungo periodo, invece, avremo a disposizione risorse per venti milioni di euro». Lo ha affermato l’Assessore alle Infrastrutture della regione Calabria Roberto Musmanno, nel corso di un cordiale colloquio telefonico scaturito dalla telefonata effettuata dal candidato sindaco al comune di San Luca, Klaus Davi. In merito al bando di gara relativo al rifacimento della strada, invece, l’Assessore Musmanno ha assicurato al massmediologo che «la gara verrà fatta e il capitolato tecnico sta per essere completato. Entro il 25 maggio sarà pubblicato il bando sul quadro tecnico, che consisterà nel selezionare un soggetto - o più soggetti in forma aggregata - che dovrà curare tutte le progettazioni e, eventualmente, anche la direzione dei lavori e le fasi successive di collaudo per tutti gli interventi, che sono un interesse regionale e che sono stati finanziati su risorse della regione Calabria». Sulle tempistiche del bando di gara, nel corso del colloquio con Davi Musmanno ha indicato come «entro maggio ci sarà la pubblicazione. Seguiranno trenta giorni in cui potranno essere presentate le domande e altri trenta giorni per verificare l’ammissibilità dei soggetti per questioni prevalentemente di antimafia; prevediamo che per il primo settembre o addirittura a fine luglio potremo avere una soluzione e, a mio giudizio, i lavori potrebbero partire nella primavera del 2020».

Rubrica: 

Notizie correlate