Sette ori per la Calabria al Concorso “Città del vino”

Lun, 17/06/2019 - 19:20
ConVersando…

Sono sette le medaglie d’oro che la Calabria ha conquistato nella XVIII edizione del Concorso Enologico Internazionale Città del Vino (già conosciuto nelle precedenti edizioni con il nome di  “La Selezione del Sindaco”), tenuto a Frascati dal 30 Maggio al 2 Giugno 2019.
Tra i 1250 vini partecipanti di tutte le regioni d’Italia e di ben 6 nazioni (Brasile, Portogallo, Russia, Lussemburgo, Azerbaijan, Germania), con più di 500 aziende e 300 vitigni, si sono distinti i vini calabresi: Moscato Passito al Governo di Saracena 2011, di Feudo dei Sanseverino; Cirò doc Rosso Classico Superiore, di Brigante Vigneti; Cirò doc  Rosso Classico Superiore Riserva “Ripe del Falco", delle Cantine Vincenzo Ippolito; Calabria IGT Rosso “Demetra” 2018, della Cantina Malena; il Lamezia doc e Lamezia riserva “Batasarro” 2013,  della Cantina Statti; Terre di Cosenza DOP “Lunapiena”2018, della Cantina Spadafora.
Ne da notizia Saveria Sesto, presidente della commissione n.10, che analizzando i risultati ormai ufficiali e consultabili sul sito di Città del vino evidenzia: “Questo concorso conferma risultati importanti che si consolidano negli anni: ormai i vitigni autoctoni  non deludono più, dal Gaglioppo nelle sue versioni base o riserva, al Greco bianco, al Moscato; tutte le aree viticole esprimono il meglio della produzione: 3 medaglie all’area del Cirò, 2 ori all’area doc Lamezia e l’immancabile corollario di Saracena e Terre di Cosenza. A questi valori si aggiunga l’affermazione alle aziende: per la Cantina Statti di Lamezia, su 3 vini in concorso 2 vini sono d’oro, rivince l’azienda Spadafora di Mangone con il Lunapiena già oro nel 2017 e si ripete nel 2018 e 3 aziende di Cirò con 3 medaglie d’oro, senza considerare aziende e vini usciti dal medagliere solo per decimi di punti”.

Rubrica: 

Notizie correlate

Nicola Morra: "Ostentando il rosario in Calabria, Salvini ha inviato messaggi alla 'ndrangheta"

Mar, 20/08/2019 - 18:00
Nel suo intervento di pochi minuti fa in senato Nicola Morra ha dichiarato: "Il ministro Matteo Salvini ha avviato un tour, non un pellegrinaggio, ed è venuto anche in Calabria, a Isola Capo Rizzuto e Soverato, ostentando pubblicamente il rosario. Ora in terra di Calabria, e qui parlo da presidente della commissione antimafia, ostentare il rosario, votarsi alla Madonna, lì dove c'è il santuario cui la 'ndrangheta ha deciso di consegnarsi, il santuario della Madonna di Polsi, significa mandare messaggi in codice a certe forze che soprattutto uomini di Stato, in particolar modo ministri degli interni, debbono combattere, e non favorire. Ma sicuramente è stato per ignoranza, non per intenzione, perchè voglio concedere che in Italia ci sono 60 milioni di innocenti fino a prova contraria, quindi Matteo Salvini l'ha fatto senza sapere cosa stesse facendo. Quindi Padre, perdonalo perchè non sapeva quello che faceva".