Stadio Marina di Gioiosa, l'A.S.D.calcio pronta alla protesta

Gio, 19/06/2014 - 10:51
continua il braccio di ferro con il comune

 

E' una polemica quella sorta intorno alla riapertura dello stadio di Marina di Gioiosa Jonica che non accenna ad arrestarsi. Da un lato la società A.S.D. Calcio Marina di Gioiosa che chiede la riapertura dello stadio e punta il dito contro lo scarso impegno usato dagli amministratori per affrontare la questione; dall'altro lato, invece, l'amministrazione comunale guidata dal sindaco Domenico Vestito che, a suon di comunicato, si dice rammaricata per la posizione assunta dalla società sportiva cittadina. Al centro di tutto, come ormai noto, c'è il problema agibilità. Il Comune di Marina di Gioiosa fa sapere, attraverso una nota dettagliata, che a impedire l'ok all'uso dell'impianto è l'assenza di un elemento fondamentale: la verifica statica delle strutture, specie della tribuna centrale, sotto la quale si trovano gli spogliatoi. Verifiche per le quali servono migliaia di euro, fondi che mancano alle casse comunali.
Tuttavia, sembrerebbe che tra la società sportiva e il Comune vi sia stato una sorta di accordo. La prima si impegnava ad eseguire, a proprie spese, i carotaggi necessari per verificare la stabilità dell'impianto, e l'amministrazione comunale si attivava per ottenere finanziamenti necessari ad eliminare tutte le criticità evidenziate. Stando a quanto si legge sul comunicato diffuso dal Comune, però, l'A.S.D. Calcio Marina di Gioiosa non avrebbe adempiuto al suo impegno. Risultato? la situazione è ancora in fase di stallo. O almeno lo è per lo stadio. Pare, infatti,che la vicenda vedrà presto una nuova fase: la protesta. Dopo il comunicato dell'amministrazione comunale la società sembrerebbe pronta a scendere in campo. Potrebbe paventarsi, infatti, una manifestazione davanti le porte del Comune di Marina. Ma a far riflettere società, tifosi, amanti del calcio e non solo è anche il fatto che lo stadio in questione è probabilmente meno fatiscente e problematico di molti altri del comprensorio. E come in questi casi si suol dire: TO BE CONTINUED.
foto telemia
Autore: 
ALESSANDRA BEVILACQUA E NICODEMO BARILLARO
Rubrica: 

Notizie correlate