Sull'incontro Commissione antimafia-Università

Mar, 27/10/2015 - 09:59

Con grande soddisfazione accogliamo la notizia dell’incontro avvenuto fra la Commissione antimafia e i Rettori degli Atenei del sud.
Abbiamo dichiarato, in tempi non sospetti,  che la Commissione  non doveva continuare a operare  solo come mezzo istituzionale d’indagine, ma doveva aprirsi alla società civile intervenendo anche come una grande agenzia di formazione contro le mafie; iniziando dalla  Scuola,  per divulgare la conoscenza del fenomeno tra i giovani e dibattere con loro   tutti i  risvolti negativi di tipo criminale nel campo economico, sociale e culturale.  Con lo scopo -come ha dichiarato l’on. Bindi-  di “formare  coscienze critiche e robuste per far fronte al fenomeno mafioso”.
Un primo passo importante, al quale dovranno seguire, a nostro avviso e visto il dilagare del fenomeno, gli incontri per la Conoscenza con le Università del Nord e con le Scuole superiori.
Al fine di  rafforzare il senso della lotta alle mafie, sarebbe importante che gli incontri nelle Scuole superiori  venissero coordinati dalle Università coinvolte  e condotti dagli  studenti universitari che avranno modo  di formare le proprie Conoscenze e  la propria Coscienza attraverso gli incontri e i percorsi di studio che verranno attuati con la collaborazione e   la consulenza della Commissione parlamentare.
Maria C. Lanzetta, Direzionale Nazionale PD

Rubrica: 

Notizie correlate