Una SCUOLA che cambia

Lun, 08/02/2016 - 10:32

Grazie ad un'intensa collaborazione tra risorse interne ed esterne alla scuola, all'IPSIA di Locri si sono svolte "le 4 giornate dello studente ". Le attività proposte, da docenti e alunni insieme, hanno raggiunto l'obiettivo di uscire dagli schemi della didattica ordinaria, andando incontro alle molteplici esigenze formative ed espressive degli alunni. Il seminario con la dietista, dott.ssa Antonella Iaria, ha fatto luce sui disordini alimentari, sul diabete giovanile e sulla dieta mediterranea intesa come stile di vita, rispondendo anche alle curiosità e ai dubbi di tutti i presenti. Di notevole importanza anche gli incontri con gli esperti di settore, prof. Antonio Panetta e dott. Giovanni Fusco, che hanno illustrato le opportunità, i percorsi e le possibilità operative ai nostri futuri giovani professionisti. Grande interesse ha suscitato il colloquio con la psicologa, dott.ssa Marilù Mandanici, che ha coinvolto i presenti, sia a livello emotivo che cognitivo, parlando dei problemi legati al bullismo, all’aggressività e all'autostima, in una dimensione interculturale. Il programma ha incluso anche un salotto letterario, animato dal prof. Giuseppe Macrì, sulla provenienza della statua della Dea Persefone, custodita oggi al Museo Pergamon di Berlino. La discussione sul rocambolesco viaggio della statua e la ricostruzione del percorso seguito, attraverso aerofotogrammetrie, documenti e testimonianze autentiche, (interpretate dagli alunni stessi), hanno coinvolto l’intera platea. La leggera cornice a questi momenti di didattica alternativa è stata costituita dalla proiezione del film "Quo vado", che, seppur in chiave ironico-satirica, offre numerosi spunti di riflessione sulla società contemporanea, e dal gioco de "Il Cervellone", che ha visto ciascuna classe sfidarsi tra domande di italiano, storia, geografia e cultura generale.  In contemporanea, nei locali dell’Istituto, un valido gruppo di alunni e docenti si è adoperato per dare un nuovo volto alla scuola e renderla più accogliente. Il tutto è terminato con una breve festa di chiusura delle attività che ha visto ogni classe organizzarsi in modo autonomo.
“Le 4 giornate dello studente” hanno lasciato un importante messaggio a tutti coloro che vi hanno partecipato e collaborato, confermando che il processo di insegnamento-apprendimento non deve necessariamente avvenire in una dimensione spazio-temporale precisa. Offrire molteplici stimoli, illuminare diverse prospettive, autogestirsi, responsabilizzare in contesti extrascolastici, accompagnare verso il problem solving ed il management, sapersi confrontare, saper coordinare, riuscire a collaborare per il raggiungimento di una meta comune, sono solo alcuni degli aspetti positivi legati a questa iniziativa, voluta dagli alunni stessi e abbracciata dal Dirigente Scolastico avv. Gaetano Pedullà e dai docenti, in uno splendido crescendo.
Mariella Napoli, docente dell’IPSIA di Locri

Rubrica: 

Notizie correlate