Viscomi in Parlamento invoca più organizzazione e meno approssimazione in sanità

Lun, 13/05/2019 - 12:20

Mercoledì il rappresentante del Partito Democratico Antonio Viscomi è intervenuto in parlamento per parlare contro il cosiddetto “Decreto Calabria”. Viscomi ha sottolineato nel proprio intervento come, nonostante la denominazione, l’azione di governo varata in occasione del Consiglio dei Ministri svoltosi a Reggio Calabria non sia rivolta solo alla nostra regione e si comporti in maniera incostituzionale e pregiudiziale nei confronti della tutela dei rapporti tra istituzioni locali e nazionali, vincolando la nostra Regione a una situazione di sostanziale vassallaggio. Viscomi ha dunque evidenziato che la sanità in Calabria è senza dubbio alcuno in una situazione critica, e per alcuni versi dolorosa, ma che la terapia proposta dal decreto non è adeguata, come in genere non è adeguata e anzi è storicamente fallimentare la logica antica del commissariamento, in questo come in altri settori della vita pubblica. La conclusione del parlamentare è stata dunque un invito a sbloccare invece le assunzioni, operazione per la quale intende presentare uno specifico emendamento, e andare a ritoccare la generale organizzazione in nome della trasparenza e dell’applicazione di norme che siano uguali per tutti e, con una corretta supervisione, permettano al nostro settore di funzionare esattamente come funzionano i corrispettivi settori di altre zone d’Italia.

Rubrica: 

Notizie correlate