È al 41bis, gli negano la possibilità di vedere la mamma morente

Gio, 02/04/2020 - 13:00

Domenico Audino è stato condannato all’ergastolo in via definitiva nel 2012 per essere stato fiancheggiatore degli esecutori materiali dell’uccisione di Francesco Fortugno e oggi è rinchiuso nella sezione 41bis del carcere de L’Aquila. Il 13 dicembre 2019 il magistrato di Sorveglianza accoglie l’istanza di permesso avanzato dai legali di Audino per fare visita alla madre in precarie condizioni di salute a causa del tumore polmonare di cui soffriva. Eppure lo stesso giorno la Procura della Repubblica presenta ricorso nei confronti di tale decisione perché il detenuto aveva già fatto visita alla madre tempo prima e mancavano elementi di affidabilità fuori dal carcere. Il 7 gennaio il Tribunale di Sorveglianza rigetta il ricorso della Procura visto l’aggravarsi delle condizioni delle mamma di Audino, che rendevano validi i requisiti di eccezionalità della concessione, eppure l’uomo non viene trasferito in Calabria per l’agognata visita nonostante i numerosi solleciti degli avvocati difensori. Persino i Carabinieri di Locri, vista la sentenza di imminente pericolo di vita della donna certificata dall’ospedale, avrebbero sollecitato via mail la visita senza riuscire tuttavia a consentire all’uomo di partire prima che la donna venisse a mancare. Una condotta, quella del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, secondo i legali negligente e omissiva, che sarà oggetto di esposto.

Fonte: il Dubbio

Rubrica: 

Notizie correlate