“L’oscurantismo geracese”, vero motivo del mancato sviluppo della Locride

Sab, 02/11/2019 - 09:00

Nei miei articoli ho citato spesso “l’oscurantismo geracese”, espressione coniata da Turi Futia, che rappresenta benissimo il mancato sviluppo di questa terra chiamata Locride. Nella trilogia Futia parla di 3 grandi occasioni che il territorio che sembrava essere sul punto di svolta, non ha colto, colpa appunto di queste famiglie che per conservare il loro potere antico hanno fatto di tutto per non far decollare queste tre ipotesi di sviluppo. La trilogia riguarda l’esperienza del vescovo Pierantoni, la missione di una suora e appunto le Officine Meccaniche Calabresi di cui parliamo in questo numero. Lo sviluppo della Locride per me rappresenta uno dei grandi enigmi della storia, perché questa terra, come ho scritto molte volte, ha tutto per emergere ma ogni volta non riesce. In questi tempi la mia convinzione è che si riuscisse a costruire una governance del territorio e questa iniziasse a capire le peculiarità, riuscendo a tradurle in una seria programmazione di azioni e interventi, la Locride potrebbe iniziare a sperare in un futuro migliore. Rimane il fatto che l’esperienza dell’ingegnere Bruzzese raccontata nel libro di Futia dovrebbe essere letta da tutti i nostri giovani per capire che si può fare, si possono realizzare anche qui i propri sogni, bisogna solo crederci.

Autore: 
Rosario Vladimir Condarcuri
Rubrica: 

Notizie correlate