“Vita vita!” al Bergoglio del Sud

Dom, 20/12/2020 - 09:30

Grande letizia a Satriano; papa Francesco ha nominato Arcivescovo di Napoli un suo figlio, don Mimmo Battaglia, che vi è nato a 57 anni fa. Satriano non è molto cambiata da allora; sempre si avvita al monte su stradicciole concepite per gli asini, e che a fatica accoglievano le prime auto della nuova Italia; ma questa antica conformazione consente a ogni giro di ritrovare il Golfo di Squillace, a scintillare di lontano. Ma qualcosa è mutato, e proprio nella prima ansa della cittadina, così ampia da meritare il nome di piazza: dove un alto contrafforte proteggeva e conteneva un Asilo infantile, che si apriva a sorpresa, ridente e severo, e dove - già è un secolo - frusciavano le Figlie di Maria Ausiliatrice, animate da una soprannaturale e industriosa serenità – le Suore e la loro feconda opera è ora trasferita sul mare, a Soverato: l’insegnamento è il loro primo impegno; e va detto che l’Ateneo pontificio delle Suore di Maria Ausiliatrice è l’unico gestito per statuto da sole donne. A Satriano, le suore hanno prodigato ai bambini e ai giovani, e con mezzi spesso assai carenti, cultura, sostegno, protezione, avviamento ai mestieri possibili – per le ragazze, ad esempio, il ricamo. E sono state loro a provvedere alla prima istruzione di don Mimmo Battaglia, che parla della loro “materna” presenza nel suo percorso vocazionale. È qui – nell’Asilo fondato cent’anni fa per provvedere ai bambini del paese nel primo devastato dopoguerra, da Giacinto Galateria, il fratello di mio nonno, e seguito poi dal nonno Giovanni e da papà Raffaele – che don Mimmo ha preso ispirazione per la sua opera di soccorso degli ultimi, degli emarginati – i poveri, i tossicodipendenti, le donne vittime di violenza. In un suo recente, commovente testo, don Mimmo racconta di un giovanile momento di inquietudine nella vocazione; e che era stata suor Gerarda – ferma e sensibile: in molti la ricordiamo centenaria e ancora accogliente, nella sua eterna sedia a rotelle – a suggerirgli, senza affatto intervenire o interferire, di consultare il crocefisso (e così consultarsi) nella candida chiesa dell’Asilo, sempre profumata di gigli: e lì era stata una frase di Luca (9, 62: “Nessuno che ha messo mano all’aratro, e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio”) a ricondurlo per sempre al destino, alla dedizione sacerdotale.
Non si può immaginare la commozione di vedere sorgere, in questo luogo delle mie più lontane memorie, da questo amore “sponsale” tra le Suore e Satriano, un pastore così grande. Per chi come me ha assistito, certo perlopiù da lontano, ma col passare degli anni con sempre più consapevole ammirazione, all’operato delle Figlie di Maria Ausiliatrice in quest’angolo che può apparire remoto della Calabria (ma remoto non è, per la carica provvidenziale delle sue energie umane), la vicenda di don Mimmo - da allievo dell’Asilo a sacerdote di Satriano a Vescovo di Cerreto Sannita, con la sua storia di prete di strada, di autore di opere di profonda spiritualità, e forte e attivo presidente e anima della Federazione italiana delle comunità terapeutiche, gestore fin dal 1992 del Centro Calabrese di solidarietà e più tardi del Centro Regionale Antiviolenza Mondo Rosa, e ora chiamato a una così ampia responsabilità - è il segno di una grazia vertiginosa ma tangibilissima. Questa feconda e umanissima missione di “umanità e buon senso” (come testimoniato nelle parole di uno dei bravi cooperatori di Satriano) ha suscitato un’eco vasta, fino a raggiungere la vigile attenzione di Papa Francesco. Il nostro Papa, che viene dalla chiesa sudamericana, ha riconosciuto in don Mimmo un confratello nell’esperienza pastorale; chiamato sommessamente il “Bergoglio del Sud”, don Mimmo ora potrà operare da una delle aree più vive, sofferenti ma geniali del nostro paese, il cuore del meridione d’Italia. “Vita vita!” come auguravano i bimbi delle Figlie di Maria Ausiliatrice, nelle festività sacre; e così, dalla sua Satriano, auguriamo al neo Arcivescovo di Napoli.

Daria Galateria
Giornalista e scrittrice

Rubrica: 
Tags: 

Notizie correlate