Al monumento di Nosside

Sab, 04/05/2013 - 12:28
Lungomare di Locri. L'agile figura slanciata verso l'alto, lo sguardo pensoso proteso lontano, un sospiro….

 

 

 

 

 

 

 

Volgi lo sguardo, Nosside,
 e sospira….
Qui la gente fiorisce
 vana d'attese.
 Sgretola Zefiro
 selvaggio
 adusti dossi
 e la poesia s'interra
 d'intima pena.
 Non più vittorie ai Bruzi,
 né più i cavalli
 dalle nari sbuffanti
 i divini fratelli
 spingono al piano,
 né più Persefone
 giù dall'imo ritorna,
 né più odorosa Demetra
 troneggia.
 Delle glorie passate
 solo il ricordo
 beffeggia e irride
 vanaglorioso canto
 di chi si erge
 spavaldo di miseria
 d'occulto cuore
né più in fede ha gli dei.

 

Autore: 
Daniela Ferraro

Notizie correlate