Blitz della polizia su un autobus carico di studenti

Gio, 05/02/2015 - 13:04
L'operazione è dovuta, forse, alle recenti denunce contro i vandali della compagnia Mediterranea, ma ha messo al contempo in evidenza lo stato di degrado dei mezzi.

Alle 13.30 di ieri, nel corso di una sosta all'ingresso di Ardore, due autobus della "Mediterranea" pieni di studenti sono stati teatro di un blitz delle forze dell'ordine. Per quanto il dirigente della Polizia Paolo Valente abbia spiegato che si è trattato di un semplice controllo, il numero di risorse impiegate e l'utilizzo dell'unità cinofila della Guardia di Finanza farebbe pensare a un'operazione di portata maggiore. Fa pensare, inoltre, il fatto che, ad essere fermati siano stati proprio i mezzi che trasportano gli studenti di Natile, Platì e San Luca. Non serve grande intelligenza, infatti, per collegare questo intervento alle numerose denunce fatte dalla compagnia dei trasporti nei confronti di ignoti che avrebbero più volte vandalizzato i mezzi e minacciato il personale viaggiante. La situazione, già da tempo dichiarata insostenibile, aveva convinto l'amministrazione della ditta reggina a installare delle telecamere di sicurezza sugli autobus. Il blitz, che ha spaventato e indignato gli scolari desiderosi di tornare a casa, ha permesso alle forze dell'ordine di focalizzare la propria attenzione su alcuni passeggeri piuttosto che altri, mentre, tra gli utenti, si levava anche il grido di indignazione relativo alle condizioni con le quali la "Mediterranea" li fa viaggiare quotidianamente. «Ben accetti i controlli per punire i delinquenti - è stata la conclusione di un passeggero - ma che ci vengano riconosciuti i diritti fondamentali!»

Fonte: Cronache del Garantista Calabria

Rubrica: 

Notizie correlate