Bonus vacanze: 50 stabilimenti balneari della Locride chiedono la modifica

Lun, 01/06/2020 - 18:00

Il D.L. 34 del 19.05.2020 art. 176 prevede un credito d’imposta nella misura massima di € 500,00 per nucleo familiare, in relazione al pagamento dei servizi offerti dalle imprese turistico ricettive, nonché dagli agriturismo e dai bed & breakfast.
L’ASCOA, Associazione della Piccola e Media Impresa ed i sottoscritti operatori evidenziano che la stessa norma, però, non prevede che il credito sia riferito anche alle spese sostenute per l’affitto di ombrelloni e sedie sdraio offerti dagli stabilimenti balneari .
Appare insensato escludere dall’ambito di applicazione del bonus vacanze proprio quelle spese significativamente più legate alle vacanze estive, con il rischio di escludere dall’ambito di applicazione della norma un’importante fetta di servizi turistici.La maggior parte delle famiglie italiane, infatti, finalizza le proprie ferie alla fruizione di tutti quei servizi legati alla balneazione e, dunque, mantenere la norma così formulata potrebbe pregiudicare i vacanzieri che, per vari motivi, non andranno ad alloggiare in strutture ricettive.
D’altra parte, gli stabilimenti balneari, considerati per legge ( art. 4 comma 1 del D.Lgs 79/2011)
imprese turistiche, contribuiscono in modo importante al PIL del settore turismo che, in ambito nazionale, compreso l’indotto, rappresenta il 13%. Le enormi difficoltà legate all’emergenza causata dalla pandemia da Covid 19, porteranno un sicuro ed importante decremento dell’utenza con gravi ed irrecuperabili perdite per il comparto della balneazione, oggi ulteriormente appesantite dalle necessarie misure di prevenzione anti virus e da una totale incertezza sulle prenotazioni.
Una modifica dell’art. 176 del D.L. 34/2020 che introduca un’estensione ai servizi resi dagli stabilimenti balneari potrebbe consentire di sperare in un contenimento dei danni economici, in relazione ad una stagione che già si preannuncia molto difficoltosa. Inoltre, si rende necessario consentire al cliente finale di usufruire del credito in modo autonomo e senza il consenso del fornitore. Ciò andrebbe incontro alla forte necessità di liquidità che gli imprenditori reclamano a seguito della grave crisi economica da Covid 19.
I sottoscritti, quindi, chiedono al Presidente del Consiglio, al Sig. Ministro e ai parlamentari in indirizzo, che in sede di conversione siano proposte le seguenti modifiche:
1)  estendere l’ambito di applicazione della “Tax Credit Vacanze”, prevista dall’art. 176 del D.L. 34/2020, anche ai servizi offerti dalle strutture balneari;
2)  prevedere esplicitamente che il bonus, in mancanza di accordo con il fornitore, possa essere utilizzato direttamente dall’utente finale sotto forma di credito d’imposta o di detrazione fiscale dell’intero corrispettivo pagato. 

ASCOA
(ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE IMPRESE) 

 

STABILIMENTI DELLA LOCRIDE FIRMATARI DELLA PETIZIONE*
1) IL CHIOSCO
2) MIRAGE
3) MIRIME BEACH
4) BEACH SIDE
5) LA ROTONDA
6) LIBERTY
7) BLU TANGO
8)SOLERO BEACH
9) OASI DEL MARE
10) LIDO SERENA
11) CACTUS CLUB
12) LE CLUB
13) LA PLAYA
14) LA CAPANNINA
15) BARAONDA
16) MISTER PUB
17) ULTIMA SPIAGGIA
18) DELFINO BLU
19) NOSSIDE
20) NETTUNO
21) COSTA BLU BEACH
22) PERSEPHONE
23)LULU'S
24) BIKINI
25) CARAMELLA
26) STELLA MARINA
27) BLUE MARINE
28) MALIBU' BEACH
29) COSTA AZZURRA
30) BLUE DHALIA
31) BAGNI L’ORMEGGIO
32) LOA BEACH CLUB
33) LA CALURA
34) LIDODALNASOALCIELO
35) LIDO MEDITERRANEO
36) LIDODELLE STELLE
37) LIDO BEACH CLUB
38) MISTRAL
39) CARAVAN SUD
40) GOURMET
41) JOLLY MARE
42) YMCA
43) SAHARA
44) GELSOMINO
45) MINIBAR BEACH
46) TAMANGO
47) BLUE BAY
48) LA GIARA
49) HOTEL PRESIDENT
50) IL NAUFRAGO

*Le adesioni sono state formalizzate tramite raccolta firme in presenza e via web

Rubrica: 

Notizie correlate