Briganti curdi

Lun, 21/10/2019 - 13:00
I Briganti

Non sono un’esperta di politica estera né tantomeno esalto le guerre, ma vedo molte similitudini tra il popolo curdo e il popolo del regno delle due Sicilie, decimato dalla barbarie piemontese preunitaria. La musica unisce i popoli, qualcuno disse. In questo caso mi permetto di pubblicare il testo della canzone che più di tutte ha rappresentato la resistenza del popolo del sud contro l’usurpatore assassino, senza pietà, e pagato dagli inglesi affinché noi perdessimo il controllo del Mediterraneo e diventassimo colonia interna.

Ammu pusato chitarr’e tammure
pecchè ’sta musica s’adda cangià
simmo briganti e facimmo paura
e c’a scuppetta vulimmo cantà
e c’a scuppetta vulimmo cantà

E mo’ cantammo ‘na nova canzone
tutta la gente se l’adda ‘mbarà
nun ce ne fotte do rre Borbone
‘a terra è a nosta e nun s’adda tuccà
‘a terra è a nosta e nun s’adda tuccà

Tutt’e paisi d’a Basilicata
si so scitati e ‘mo vonno luttà
pur’a Calabbria mò s’è ‘rivuttata
e stu nimico ‘o facimmo tremà
e stu nimico ‘o facimmo tremà

Chi ha visto ‘u lupu s’è miso paura
nun sape bbuono qual’è ‘a verità
‘u vero lupu ca magna ‘e criature
è ‘o piemuntese e l’avimma caccià
è ‘o piemuntese e l’avimma caccià

Femmene belle ca’ rate lu core
si lu brigante vuliti salvà
nunn’o cercate, scurdatev ‘o nomme
che ce fa a guerra nun tene pietà
che ce fa a guerra nun tene pietà

Omme s’ nasce, brigant’ se more
ma fin’ all’ultimo avimm’a sparà
e si murimo menate nu sciore
e ‘na preghiera pe’ ’sta libertà
e ‘na preghiera pe’ ’sta libertà

Sarebbe ora che questa “musica” cambiasse, e che i popoli riuscissero a vivere nella propria terra in pace e con la propria dignità. Il cambiamento parte dalla scuola, parte dai professori temerari che insegnano agli alunni a pensare, e non a diventare robottini come il sistema scolastico nostrano vorrebbe. La vera battaglia si fa tra i banchi di scuola, non coi fucili in mano. Non è soltanto il popolo curdo sotto attacco, lo sono tutti i popoli che subiscono la prepotenza di nazioni che pretendono il controllo, solo ed esclusivamente per il potere. Un potere che, di certo, non si porteranno nella tomba, ma il karma sì, a quello non si sfugge.

Autore: 
Brigantessa Serena Iannopollo
Rubrica: 
Tags: 

Notizie correlate