Bubble Waffle: l’Antica Gelateria Strati si reinventa in tempo di pandemia

Dom, 12/07/2020 - 16:00

C’è chi durante il lockdown ha pensato solo a come far quadrare i conti e chi invece ha deciso di ingegnarsi in qualcosa di nuovo. Alla seconda categoria appartiene certamente Enrico Cusenza, dell’Antica Gelateria Strati che, a un anno dalla conquista del riconoscimento di miglior Gelateria d’Italia secondo gli utenti che hanno partecipato al sondaggio della piattaforma “Gastronauta”, ha affrontato le riaperture concesse dalla Fase 3 dimostrandosi una volta di più leader del settore a livello nazionale, lanciando un nuovo prodotto in maniera semplice e geniale.
«Mi sono domandato cosa avremmo perso a causa della pandemia - ci spiega Cusenza, - e, sfruttando il tempo libero imposto dal lockdown, ho cominciato a viaggiare virtualmente in giro per il mondo per scoprire quali specialità gastronomiche non avremmo potuto assaggiare in questo periodo. È così che ho scoperto il Bubble Waffle, street food dolce diffuso a Hong Kong, un waffle arrotolato, composto da bolle soffici divise da una sezione di cialda croccante, il tutto farcito a scelta con gelato, granella, biscotti, panna e creme spalmabili. Si tratta di un dolce scenografico, che si sarebbe adattato al nostro tipo di produzione. Mi sono dunque informato sulla sua realizzazione e ho riadattato la ricetta cercando di sfruttare i prodotti più genuini offerti dal nostro comprensorio.»
Come tutte le idee brillanti, anche quella di Enrico è arrivata nel cuore della notte e al culmine di un periodo in cui sentiva la necessità di portare una ventata di novità sul Corso della Repubblica. «Alle 3 del mattino avevo già acquistato le piastre - continua Cusenza, - e, una volta montate, ho provato la ricetta rendendomi conto che il prodotto avrebbe potuto avere enorme successo.»
Ma come trasformare una buona idea in un’idea vincente? Ovviamente attraverso un’adeguata campagna di marketing, sfida aggiuntiva in virtù della necessità di lanciarla proprio durante il periodo di pandemia.
«Abbiamo ideato un concorso su Instagram che consisteva nell’invitare le persone a venire a provare il nostro Bubble Waffle al locale e a scattarsi una foto mentre lo mangiavano, mettendo in palio un buono (esattamente come il Golden Ticket de “La fabbrica di Cioccolato” di Roald Dahl) da spendere in gelato.»
Un’iniziativa che ha saputo stuzzicare il palato delle persone tanto da convincerle a condividere immediatamente gli scatti di una vita normale, permettendo al profilo Instagram dell’Antica Gelateria Strati di raggiungere in pochi giorni 90mila visualizzazioni e facendo una pubblicità impressionante all’iniziativa e al prodotto. La prova lampante del successo risiede nel fatto che non solo il Bubble Waffle sia stato provato da avventori provenienti da tutta la Locride, ma anche dal resto della Calabria. L’Antica Gelateria Strati risulta così la seconda gelateria ad aver portato, in questa veste, il prodotto al meridione, ma la prima che è riuscita a renderlo famoso in un periodo in cui investire sembrava un’esperienza a perdere, dando un’incredibile prova della sua capacità di innovarsi.
«La cosa che mi rende maggiormente contento è che, in tempo di crisi economica io possa pensare di ampliare l’attività e continuare a sperimentare - continua Enrico. - I miei viaggi, virtuali e non, mi hanno permesso di proiettare la tradizione verso il moderno.»
Ed Enzo Strati che cosa avrebbe pensato di questa iniziativa?
«Sono convinto che sarebbe stato contento. La forza di “Don” Enzo è stata quella di creare un ritrovo felice dove tanti giovani e tante famiglie coi propri bambini vengono a trascorrere, ancora oggi, momenti di spensieratezza semplicemente gustando un buon gelato.»
E proprio per trovare anche noi quell’agognata spensieratezza non ci resta che goderci l’ultima, straordinaria creatura dell’Antica Gelateria Strati e farci travolgere dalla Bubble Waffle Mania!

Autore: 
Jacopo Giuca
Rubrica: 

Notizie correlate