Campi Sportivi nella Locride: criticità e prospettive

Lun, 23/01/2017 - 19:20

Lo scorso 13 gennaio, nella sala del Consiglio Comunale di Locri, si è tenuto un interessante incontro-dibattito, ad iniziativa del Comitato Regionale Calabria FIGC, su un argomento in generale molto sentito in ambito calcistico e, nell’ultimo periodo, particolarmente avvertito nel comprensorio della Locride. Si è discusso, infatti, di campi sportivi, con le connesse problematiche di utilizzabilità.
La zona, infatti, presenta, soprattutto nella corrente stagione agonistica, un’elevata criticità per la situazione dei rettangoli di gioco, vivendosi un periodo di particolare difficoltà rispetto alla disponibilità delle strutture per lo svolgimento dell’attività federale.
Problematiche di vario genere, pur se di diversa entità, interessano i campi di Brancaleone, Africo, Bianco, Bovalino, San Luca, Antonimina, Gioiosa Jonica, Caulonia, Monasterace, Stilo (e l’elenco mette in risalto soltanto le situazioni di più evidente attualità), che presentano aspetti di inutilizzabilità o di parziale utilizzabilità, con le ovvie ripercussioni per le società, che si trovano di continuo costrette, ormai da tempo, a girovagare nelle (non molte) strutture rimaste disponibili, le quali ultime, per converso, vedono aggravarsi il carico di incontri da gestire.
L’incontro, molto partecipato, ha offerto, oltre che un momento di riflessione sulla delicata questione, anche un approccio operativo e concreto da più angolazioni: di particolare rilievo, infatti, sono state le relazioni tecniche svolte dal Dott. Vincenzo Smeraglia e dall’Ing. Antonio Santaguida.
Il Dott. Smeraglia, responsabile Area Sud dell’Istituto per il Credito Sportivo, ha trattato le possibilità di accesso al credito in materia di impiantistica sportiva, ponendo l’accento sulle linee di intervento previste dall’Istututo, sia in favore di enti pubblici che di privati proprietari di strutture sportive.
L’Ing. Santaguida, componente della Commissione Nazionale FIGC-LND sugli impianti sportivi, ha messo in luce le problematiche di natura tecnica che riguardano le caratteristiche funzionali degli impianti, con specifico riguardo, ovviamente, alle più ricorrenti criticità che si manifestano in concreto (l’ampia relazione è stata accompagnata dalla presentazione di numerose slides, che hanno opportunamente reso ancor più attuale la grave situazione degli impianti).
L’incontro è stato introdotto da Carmine Barbaro, delegato FIGC per la Locride e, dopo un indirizzo di saluto del Sindaco di Locri Giovanni Calabrese, vi sono state le citate relazioni tecniche, cui ha fatto seguito il dibattito.
Numerosi, oltre ai dirigenti di società, gli amministratori locali presenti, tra cui anche alcuni Sindaci (Siderno, Bianco, Gioiosa Jonica, Marina di Gioiosa, Monasterace, Roccella, Stilo): gli interventi dei Sindaci di Siderno, Roccella e Bianco hanno evidenziato aspetti di varia natura connessi all’utilizzabilità degli impianti, con riguardo alle criticità di natura tecnica, anche riferite alle difficoltà finanziarie degli Enti amministrati, ed a quelle di natura procedurale per accedere ai finanziamenti.
I lavori sono stati conclusi da Saverio Mirarchi, Presidente del Comitato Regionale, che, dopo aver ringraziato il Comune di Locri per l’accoglienza e tutti i presenti, ha evidenziato di aver attivato l’iniziativa proprio in relazione alla situazione di assoluta criticità presente nel comprensorio, rispetto alla quale la Federazione ha inteso offrire, innanzi tutto, un momento collettivo di riflessione sull’argomento, cercando, nel contempo, di dare un taglio di natura pratica attraverso i qualificati interventi del Dott. Smeraglia e dell’Ing. Santaguida, entrambi particolarmente apprezzati.
Il Presidente, oltre, naturalmente, a rimarcare la disponibilità federale per un costante monitoraggio delle singole situazioni, ha anche posto un significativo accento sulle ipotesi di gestione societaria delle strutture, che, se da un lato costituiscono un delicato onere per le società stesse, dall’altro, se svolto con gli opportuni accorgimenti, possono rilevarsi, in molti casi, una buona soluzione del problema.

Rubrica: 

Notizie correlate