Catalani non finisce di stupire: a Gennaio concorrerà per Poeta dell’anno

Lun, 21/11/2016 - 19:57

Non finisce di stupire, il dottor Gaetano Catalani che, anche questo mese, ha continuato la propria cavalcata trionfale verso l’olimpo della poesia nazionale. Durante il mese di ottobre, infatti, Catalani ha conquistato la giuria del premio La medaglia del Senato, svoltosi nell’ambito del Memorial Guerino Cittadino di Rende e promosso dall’Associazione Gueci e si è dovuto recare a Milano per ritirare ben due riconoscimenti nell’ambito della manifestazione internazionale Agenda dei Poeti: un primo premio nella sezione di poesia dialettale e un sesto in quella in lingua italiana.
Ma non finisce qui. Proprio questi ultimi trofei fungeranno per Catalani da lasciapassare per l’ambito premio Poeta dell’anno, un riconoscimento che verrà consegnato a gennaio 2017 al più talentuoso poeta italiano e al quale si può partecipare solo tramite invito da parte degli organizzatori, che selezionano i concorrenti tra coloro che, nell’arco dell’anno solare, hanno conquistato almeno due premi in cinque differenti competizioni poetiche di livello nazionale. Proprio il primo premio di Milano, da aggiungersi al secondo conquistato recentemente a Varallo, permetteranno al nostro dottore di competere in questa prestigiosa manifestazione, per la quale non possiamo che fargli i nostri più sentiti auguri. In attesa di conoscere il responso, vi lasciamo con la poesia vincitrice del premio La medaglia del Senato.

I Sorùru
Comu hjumàra chjna u tempu scurri
e nu dolùri t’abbruscia pur’a manu,
u tò purmùni pari c’ora mpurri
e a vuci nesci fora chjanu chjanu.
Vidi volari n’cèlu tutt’i penzèri
e i scrivi nta nu fogghju dint’o cori,
ti senti comu nu juri nta n’ahhjèri
ca suca gliu surìnu nommu mori.
U mari grossu arza sempi l’unda,
ma non t’a pigghj cu glia malasorti,
a barca di sònnari s’affunda
e torna u mbernu cu nu hjarv’i morti.
Mi dumandi cchì ndavi dint’o scuru
e t’arzi a notti pe’ sentìr’i grigli,
gioia e malincunìa ennu sorùru
e penzi ca gliaìntra ndav’i stigli.
Ti torn’a mmènti u tempu ca jettàsti
e cerchi mu ti spruppi ogni ura,
nu gir’i giostra ancora ti dassàsti
e lu cunzùmi jocandu c’a Signura.
Vicin’ad Iglia ndavi semp’a mmìa
cu nu camici jancu e nu fonendu,
a sentu ca s’arridi e sfriculìa
fricàndusi ca ora stai morendu.
Nci cercu pè favuri u t’esti amica
pecchì sta vita è na curuna i spini,
tutt’i jorna a sistemi cu fatica
e volarrìa u t’a gurdi sin’a fini.

Le sorellastre
Come fiumara piena il tempo scorre
e un dolore ti brucia anche la mano,
il tuo polmone pare che ora marcisca
e la voce esce fuori piano piano.
Vedi volare in cielo tutti i pensieri
e li scrivi in un foglio dentro il cuore,
ti senti come un fiore in uno strofinaccio
che succhia quell’umido per non morire.
Il mare grosso alza sempre l’onda,
ma non te la prendi con quella malasorte,
la barca dei sogni si affonda
e torna  l’inverno con un odore di morte.
Mi domandi cosa c’è dentro il buio
e ti alzi la notte per sentire i grilli,
gioia e malinconia sono sorellastre
e pensi che laddentro ci sono le stelle.
Ti torna in mente il tempo che hai buttato
e cerchi di spolparti ogni ora,
un giro di giostra ancora ti sei lasciata
e lo consumi giocando con la Signora.
Vicino a Lei ci sono sempre io
con un camice bianco ed un fonendo,
la sento che ride e che mi stuzzica
fregandosene che ora stai morendo.
Le chiedo per favore di esserti amica
perché questa vita è una corona di spine,
tutti i giorni la sistemi con fatica
e vorrei che te la godessi sino alla fine.

Rubrica: 

Notizie correlate