Controllo del territorio e brevi di cronaca della Locride

Sab, 25/10/2014 - 12:29

Le serrate attività di controllo del territorio, svolte nell’ambito della pianificazione coordinata dei servizi realizzata sotto la direzione generale del Prefetto di Reggio Calabria, dottor Claudio Sammartino, hanno visto negli ultimi due giorni numerosi impiegati i Carabinieri sia nel presidio dei punti di obbligato passaggio della giurisdizione di competenza, allestendo numerosi posti di controllo e anche alcuni posti di blocco a due sensi di marcia, ma senza trascurare le aree secondarie dei principali centri urbani, e sia in numerose perquisizioni, domiciliari, personali e veicolari. 

Un imprenditore commerciale, invece, è caduto nella fitta rete di controlli svolti dai Carabinieri per contrastare i sempre più ricorrenti furti di energia elettrica, come appurato dai militari della Stazione di Mammola al termine degli accertamenti esperiti congiuntamente a personale specializzato dell’Enel. In particolare, l’uomo, utilizzando un magnete posto sul contatore, che è stato sequestrato, alterava sistematicamente la normale misurazione del consumo di energia elettrica, che, nel caso di specie, essendo riferito a un’attività produttiva, è stata ritenuta dagli operanti di consistente portata. Ora, secondo la procedura, oltre alle conseguenze penali in cui l’imprenditore incorrerà, scatterà la sanzione dell’Enel e il recupero delle presunte somme non corrisposte, pari al consumo reale rilevato all’atto del controllo, parametrato su 5 anni.

A Bianco, i Carabinieri locale Stazione hanno deferito in stato di libertà per violazione della normativa sulla prevenzione incendi una commerciante del luogo, poiché ha posto in vendita, senza essere in possesso del previsto certificato di prevenzione incendi, 24 bombole di gpl - successivamente sottoposte a sequestro - all’interno del propria struttura commerciale.

A Roccella Jonica, i Carabinieri della Stazione del luogo hanno deferito a piede libero per porto di armi od oggetti atti ad offendere un pregiudicato 60enne di Mammola, operaio A.F.O.R., poiché, durante un controllo alla circolazione stradale, è stato trovato in possesso di  due coltelli, rispettivamente, con lama lunga 9 e  8,5 cm., custoditi all’interno del cruscotto porta oggetti della propria autovettura, nonché di un’accetta con lama lunga cm 10, senza custodia, riposta dietro il sedile lato guida.

A Brancaleone, i Carabinieri della locale Stazione hanno denunciato in stato di libertà un quarantenne del luogo, poiché esercitava, all’interno di un esercizio commerciale del luogo che gestisce, l’attività di raccolta di scommesse - tramite apparati elettronici on line - riguardanti competizioni sportive, senza essere in possesso della prescritta licenza di polizia. Sul posto, i militari hanno rinvenuto e sottoposto al sequestro numerose ricevute di giocate già effettuate, mettendole così a disposizione della Procura di Locri.

Rubrica: 

Notizie correlate