Crimine: condanne definitive per 19 imputati

Sab, 20/05/2017 - 11:46

Nel luglio del 2010 l’operazione “Crimine” convinse gli inquirenti di aver identificato le cariche attribuite l’anno precedente ai vertici del “Crimine di Polsi”, formalizzate non occasione della festa della Madonna della Montagna dopo una serie di trattative tra i presunti maggiorenti delle “97 locali di ‘ndrangheta” presenti nella provincia di Reggio Calabria. In altre parole venne svelata l’esistenza della “‘ndrangheta unitaria”, un’associazione criminale operativa in Italia e all’estero con un vertice denominato “Provincia”.
Nell’ambito del processo scaturito da quella operazione, nella serata di giovedì scorso, i giudici della Corte di Cassazione hanno sostanzialmente riaffermato l’impianto accusatorio con il quale la Procura Reggina affermava la bontà dell’indagine del 2010, infliggendo ai 19 imputati la condanna definitiva di 155 anni complessivi di reclusione.
Il verdetto nel dettaglio

Condannati:

  • Vittorio Barranca, 8 anni;
  • Domenico Rocco Cento, 9 anni;
  • Angelo Antonio Cianciaruso, 8 anni;
  • Antonio Commisso, 13 anni;
  • Roberto Commisso, 8 anni;
  • Antonio Cuppari, 9 anni;
  • Michele Fiorillo, 8 anni;
  • Antonio Futia, 11 anni;
  • Domenico Gangemi, 19 anni e 6 mesi;
  • Francesco Gattuso, 13 anni;
  • Giuseppe Giampaolo, 9 anni;
  • Rocco Bruno Tassone, 13 anni;
  • Ernesto Mazzaferro, 15 anni;
  • Giuseppe Caccia, 3 anni e 8 mesi;
  • Michele Capasso, 2 anni pena sospesa;
  • Nicola Perrotta, 2 anni pena sospesa;
  • Vincenzo Fleres, 2 anni pena sospesa;
  • Vincenzo Nunnari, 2 anni pena sospesa.

Assolti:

  • Giuseppe Siviglia
  • Giuseppe Velonà

Gli altri:

  • Francesco Marzano, annullamento con rinvio;
  • Francesco Bonarrigo, annullamento con rinvio limitatamente al II comma art. 416 bis c.p.;
  • Mario Giuseppe Stelitano, annullamento con rinvio limitatamente al II comma art. 416 bis c.p.;
  • Antonio Figliomeni, annullamento con rinvio limitatamente al II comma art. 416 bis c.p.

Fonte: Gazzetta del Sud

Rubrica: 

Notizie correlate