Crinò guarda con fiducia al restauro della Villa Romana di Casignana

Mer, 01/07/2020 - 11:00

Attorno al fascino della Villa Romana di Casignana, uno dei tesori archeologici più rilevanti del Mezzogiorno d’Italia si è svolto l’incontro organizzato dalla locale Amministrazione Comunale e dall’Università della Calabria per la presentazione del programma di restauro dei mosaici. Numerose le personalità del mondo politico e culturale che hanno partecipato all’iniziativa. “Negli ultimi 10 anni gli scavi si sono fermati. L'idea è quella di tornare a occuparci come Regione di questo luogo per renderlo fruibile. Poi mettere in rete i diversi beni perché sono fonte di sviluppo turistico, economico e culturale”. Con queste parole, il consigliere regionale Giacomo Pietro Crinò, ha salutato gli organizzatori e i numerosi partecipanti. Ha ringraziato particolarmente il vicepresidente della Giunta Regionale della Calabria nonché assessore alla Cultura, Nino Spirlì, che ha concluso i lavori, i rappresentanti dell’Unical e gli studenti che verranno opitati a Casignana dalla locale amministrazione comunale, per tutta la durata della campagna di restauro, la cui attività sarà dagli stessi direttamente curata. “Sono certo che con Spirlí - ha dichiarato Crinò - la strada verso il recupero funzionale é assolutamente spianata”. Avviandosi alla conclusione, il consigliere regionale Giacomo Pietro Crinò si è soffermato sulle peculiarità sorico-artististiche ed archeologiche del sito di Casignana affermando che si tratta di “bellezze che rapiscono e che danno la spinta per impegnarci concretamente in favore della tutela del sito”. E la certezza per Crinò “che da parte della Regione Calabria ci sarà sempre il massimo appoggio”.

Giacomo Pietro Crinò

Rubrica: 

Notizie correlate