Via Crucis del vescovo di Catanzaro in carcere

Sab, 11/04/2020 - 10:30

"Non consentiamo al coronavirus di farci zittire e di gettarci nella disperazione; non consentiamogli di seminare tra noi solo il male corporeo di cui è capace. L'anima di ognuno di noi nessun agente patogeno può attaccarla se restano in noi le ali dell'amore". A dirlo l'arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace, mons. Vincenzo Bertolone, presidente CEC, nella Via Crucis assieme agli ospiti della Casa circondariale di Catanzaro. "In questi giorni in cui siamo tenuti a stare al chiuso - ha aggiunto - siamo po' tutti agli 'arresti domiciliari'. Voi siete costretti, senza deroghe, a stare in un edificio, noi che viviamo fuori da queste mura facciamo i conti, in maniera e misura ovviamente diversa dalla vostra, con una condizione di limitazione della libertà. Da reclusi 'sanitari' sperimentiamo la solitudine e l'isolamento.
Ma per voi il dramma del dramma che questa pandemia porta con sé è il fatto che vi separa dai vostri cari proprio quando si avrebbe più bisogno della loro vicinanza affettuosa".
ANSA

Rubrica: 

Notizie correlate