Duisburg, è ergastolo per Sebastiano Nirta

Lun, 02/12/2013 - 10:28
Per i giudici della corte d’assise di Locri fu protagonista, con Giovanni Strangio, della strage del 2007 avvenuta nella città tedesca

Per la strage di Duisburg c’è la prima condanna “pesante”. È l’ergastolo affibbiato nell’ambito del processo bis per l’eccidio del 15 agosto 2007 nella città tedesca dalla corte d’assise di Locri a Sebastiano Nirta, che per i giudici del tribunale locrideo fu protagonista del gruppo di fuoco che causò la morte di sei persone. Lo scrive questa mattina anche “il Quotidiano della Calabria”. Più lieve, si fa per dire, la pena inflitta a Giuseppe Nirta, condannato a dodici anni esclusivamente per il reato di associazione mafiosa e assolto dal reato di omicidio per non aver commesso il fatto.

In sostanza Sebastiano Nirta è l’unico per il quale v’è certezza che si trovasse sul luogo del delitto con Giovanni Strangio, già giudicato nel processo “Fehida”, terminata con condanne di otto ergastoli. Sebastiano Nirta e Strangio sono gli unici individuati con certezza nel commando di Duisburg. Ieri, invece – sempre per quanto riportato dall’articolo firmato da Pasquale Violi - i due Nirta sono stati giudicati in un dibattimento differente perché catturati dopo quattro anni di latitanza in Olanda.

Quel sanguinoso episodio, è considerato dai magistrati l’atto conclusivo della guerra di San Luca tra le famiglie Nitta-Strangio e Pelle-Vottari. La decisione della Corte è giunta dopo du giorni di camera di consiglio. Due anni ad Antonino Flaviano, con l’accusa di favoreggiamento.

Rubrica: 

Notizie correlate