FDI sostiene il Sindaco di Taurianova per la riattivazione del centro vaccinale

Dom, 21/02/2021 - 17:00

“Il nostro partito sosterrà lealmente e con responsabilità politica il Sindaco Roy Biasi per ogni azione amministrativa ed istituzionale rivolta alla riattivazione del Centro vaccinale a Taurianova, il cui servizio è stato sospeso dall’Asp a causa di incongruenze rilevate nella sua erogazione” . E' quanto dichiara il Coordinamento provinciale di Fratelli d’Italia. “Non c’è alcun dubbio, così come evidenziato dal gruppo consiliare FDI, che il presidio sanitario per la somministrazione dei vaccini anti-Covid-19 rappresenti un servizio essenziale e funzionale per il territorio della fascia tirrenica, nella lotta alla pandemia. Anche i locali messi a disposizione dal Comune di Taurianova - va dato atto - erano adeguati a tutti gli standard logistici e sanitari, per far fronte alla campagna vaccinale.” “Ma alcuni incresciosi episodi di disorganizzazione del servizio e della fase triage, che si sarebbe dovuta svolgere secondo protocolli (di somministrazione e di priorità) indicati dal Piano vaccinale nazionale, ha generato un corto circuito evitabile, il cui danno si è riversato esclusivamente sulla nostra comunità”. “Chiederemo pertanto ai nostri Consiglieri comunali Filippo Lazzaro e Daniele Prestileo di dare manforte alla Giunta Biasi per cercare di garantire nuovamente un punto di riferimento sanitario e sociale, che riusciva a sostenere fino a 300 vaccinazioni giornaliere. Ma la nostra collaborazione - conclude la nota - avrà incidenza ed un chiaro indirizzo politico per la richiesta di riattivazione del Centro vaccinale, esclusivamente nella misura in cui l’amministrazione Comunale assicurerà un servizio scevro da disfunzionalità e soprattutto nella totale liceità della convenzione sottoscritta con l’ASP di Reggio Calabria”.

Rubrica: 

Notizie correlate

Sainato: Fare più assunzioni nell’ASP di Reggio Calabria per la campagna vaccinale

Ven, 05/03/2021 - 09:37
“Si è messa in moto lo scorso 4 gennaio, con un decreto del Commissario Straordinario per l'emergenza Covid-19, la procedura urgente per l'individuazione di 3.000 medici e 12.000 infermieri e assistenti sanitari, destinati a rafforzare le strutture già operative nella campagna vaccinale anti Covi