Filippo Savica sul primo periodo di commissariamento a Bovalino

Sab, 18/07/2015 - 16:32

L'estate Bovalinese è iniziata già da un paio di giorni.
Mio malgrado devo dire che il Paese versa in uno stato pietoso, e disumano sotto tutti i punti di vista.
A cominciare dalle strade che sembrano quelle del terzo mondo , e non solo per la presenza delle buche, ma per la sporcizia presente ovunque unitamente a cumuli di spazzatura non raccolta.
Ritengo che la Cittadina di Bovalino può per un attimo dimenticarsi delle buche presenti nelle strade ,ma non penso proprio che può dimenticarsi della pulizia.
Una pulizia che sembra un miraggio per Bovalino.
Non esiste il passaggio da tempo ,ne della spazzatrice ,e ne degli operatori ecologici, addetti alla pulizia strade,per non dimenticare che non è stata fatta da tempo neanche la derattizzazione,e disinfestazione del Paese.
Mi domando, ma chi dovrebbe effettuare questo servizio se non una amministrazione attenta alle problematiche basilari?
Per non dimenticare che si dovrebbero pulire anche i canaloni dei torrenti per evitare che si verifichi un altro alluvione come quello del2000, che hafatto parecchi danni alla Cittadina, per l'incuria ed incoscienza dell'Amministrazione in carica in quel tempo che non ha pulito i canaloni e si è verificata una esondazione violenta che ha paralizzato molte zone del Paese.
Non esiste la pulizia della spiaggia,importantissima, non solo per i turisti, ma principalmente per chi vive a Bovalino,ed investe in attività commerciali,e turistiche , pagando le tasse al Comune per avere i servizi.
Ritengo che questi Cittadini abbiano il diritto di poter andare in spiaggia senza incappare nella sporcizia che regna ovunque.
Per non parlare delle due entrare principali del nostro Paese,che come è noto dovrebbero rappresentare il biglietto da visita, invece rappresentano il peggio della fascia ionica Calabrese, la vergogna più totale.
Non penso che pulire le strade sia un opera alla pari del traforo dello zilastro, ma normale amministrazione che al momento non sembra sia stata fatta.
Ritengo che è giunta l'ora di svegliarsi.
Il mio appello è rivolto a chi sta amministrando il nostro paese, senza nessun pizzico di malignità, nei confronti della terna Commissariale,lo avrei fatto anche con la normale amministrazione eletta legittimamente dal popolo, perché il mio ruolo da dirigente politico della Giovanile di Forza Italia,è quello di fare politica, e la politica a volte deve essere critica contro l'immobilismo di chi amministra.
Ritengo che i Cittadini del mio Paese hanno tanta fiducia sia nello stato,e sia negli amministratori mandati a Bovalino,per cercare di risolvere i problemi,quindi ci aspettiamo un cambio di marcia , che deve essere dato proprio dalla terna , altrimenti non ha nessun senso il commissariamento dell'ente che si limiterebbe solo ad una situazione di "scaldare la sedia ".
Una cosa che mi ha lasciato molto stupito è stata la chiusura del Comune per il troppo caldo, in quanto c'è stato il guasto del climatizzatore, che se la mia memoria giovane non mi inganna non ha mai funzionato bene.
La domanda mi nasce spontanea; ma si doveva arrivare al 16 di Luglio per accorgersi che il climatizzatore non funzionava?
E chi doveva provvedere ad aggiustarlo?
Quindi se continua il caldo il comune resta chiuso?
Non è corretto sospendere il servizio al cittadino che è il padrone del comune.
Non vorrei pensare che fino a quella data nessuno è andato al Comune quindi n on si poteva accorgere del guasto .
Lontano da me questo pensiero in quanto i nostri dipendenti comunali sono molto efficiente, e lavorano molto di più di quanto dovrebbero perché sono un numero ridotto in base alla pianta organica Comunale,unitamente ad i socialmente utili, cercano sempre con grande impegno di soddisfare l'esigenze del cittadino, e dei vari uffici.
I problemi sono davvero tanti, per questo il mio appello è quello di svegliarsi, ed essere più attenti al Paese, senza tralasciare le periferie ed il borgo di Bovalino Superiore.
Borgo invidiato da tutti i paesi della fascia ionica per la presenza di resti storici del Castello Medievale,e per le sue Chiese , antichissime ,unitamente alla presenza e l'ottimo lavoro della Arciconfraternita che ci regala ogni anno delle funzioni Religiose di grande prestigio.
Il borgo allo stato attuale delle cose versa in uno stato di completo abbandono , e non è decoroso nei confronti dei pochi abitanti che sono rimasti ad abitarlo, persone che hanno gli stessi diritti dei Bovalinesi.
Per non parlare della frazione Pozzo, e Biviera più popolose di Bovalino Superiore e nonostante ciò sono nel stesse condizioni.
La Vergogna più totale.
Spero che questo mio appello sia preso in considerazione,e si cominci a lavorare, perché in due anni di buona amministrazione ne va il destino di una cittadina che può ripartire,ed abbattere gran parte delle difficoltà,oppure cadere ancora più giù, e Bovalino non può permettersi di sbagliare.
Confido nell'efficienza e nel buon senso della terna commissariale affinché Bovalino possa mettersi in moto nuovamente.

Rubrica: 

Notizie correlate