Francesca Italiano: «Ecco come ho vinto “The Voice” durante la mia Luna di miele»

Dom, 20/10/2019 - 12:00

Avevamo incontrato Francesca Italiano per la prima volta nel maggio del 2016, quando ci raggiunse in redazione per raccontarci del suo inaspettato successo alle selezioni del “Video Festival Live”, un format di Sky che voleva dare spazio ai cantanti emergenti del nostro Paese.
A partire da quella data tante cose sono cambiate per questa giovane di Bovalino che, dopo aver inseguito per tanti anni senza soddisfazioni il sogno di diventare cantante, ha saputo invece sfruttare quella preziosa occasione lanciando finalmente una carriera che aveva bisogno solo del giusto terriccio per poter sbocciare. Da quella fatidica primavera, infatti, il gruppo musicale “La Voce - Francesca Italiano”, composto, oltre che dalla nostra, anche da Carmelo Gattuso alla chitarra, Daniele Mangiola al contrabbasso e Giorgio Seminara ai fiati e alle percussioni, ha inaugurato un format semplice, ma dal grande successo, che ha presto reso la band una delle più richieste tra i gestori dei locali notturni della nostra bella Calabria. “Sabato Italiano”, questo il nome del progetto musicale, che gioca con il duplice riferimento alla musica italiana interpretata dal gruppo e al cognome di Francesca, ha proposto ogni settimana uno dei più ricchi e originali repertori di musica del Bel Paese, da “L’italiano” di Toto Cutugno a “Je so’ pazzo” di Pino Daniele, fino ad arrivare a una particolarissima rivisitazione di “Attenti al lupo”, in cui il pezzo di Lucio Dalla fa da ritornello a un brano del cantante britannico Sting.
Ma questa settimana Francesca e il suo compagno, pardon… novello sposo Giorgio, il percussionista del suo gruppo, non sono venuti in redazione per parlarci dello scontato successo di queste serate, ma per raccontarci una storia molto più singolare che, come tutte le belle avventure, è cominciata per puro caso.
Finalmente uniti in matrimonio, infatti, Francesca e Giorgio hanno deciso di trascorrere la propria luna di miele a bordo di una nave della flotta di Costa Crociere, sulla quale hanno scoperto qualcosa di davvero molto interessante…
«Una volta saliti sulla “Costa Fascinosa” - ci racconta Francesca avviando il suo consueto  emozionato e coinvolgente monologo - abbiamo scoperto che Costa Crociere aveva stilato un accordo con il programma “The Voice of Holland”, la versione olandese del talent show trasmesso in Italia dalla Rai, per poter svolgere un format sulla nave durante la traversata. Questo “The Voice of the Sea” si sarebbe potuto trasformare per i vincitori in una vera e propria selezione che avrebbe sostituito le audizioni per partecipare al programma della televisione olandese. Considerato che proprio quella sera sarebbero cominciate le selezioni e vedendo che tanti avevano intrapreso quel viaggio per provare nuovamente a entrare nel programma dopo essere stati scartati alle preselezioni televisive, ho deciso di partecipare anche solo per avere la possibilità di esibirmi sul palco del bellissimo teatro da 3.800 posti della nave, dove ogni sera si svolgevano spettacoli utili a intrattenere i passeggeri.
«A differenza di quanto accade nella controparte televisiva del programma, il pezzo con il quale avrei partecipato al format avrei dovuto sceglierlo tra una rosa molto ristretta di canzoni italiane e internazionali e, nonostante la presenza di brani vocalmente molto forti come “New York, New York” o “My Way” di Frank Sinatra, o canzoni degli Abba e di Laura Pausini, ho scelto “Il cielo in una stanza” di Gino Paoli, un pezzo che pensavo potesse ben adattarsi al mio timbro.
«Dopo le prove è dunque giunto il momento di esibirmi sul palco, accanto al quale, proprio come accade in televisione, i tre giudici si trovavano su delle sedie che mi davano le spalle ed erano a conoscenza solo del titolo della canzone da me scelta. Non so descrivere l’emozione che ho provato quando ho visto due delle tre sedie girarsi subito dopo aver terminato di cantare la prima frase e la gioia di quando ho sentito definire elegante la mia tonalità dal tenore spagnolo José Antonio Navarro o “un abbraccio” dalla cantante e vocal coach dei musical Alice Piombino.
«Ho dunque scelto di farmi seguire per le fasi finali del format da Navarro, che mi ha mandato senza esitazioni in finale, dove la mia performance e quella degli altri due finalisti sarebbe stata votata dai passeggeri attraverso un telecomando che era stato assegnato a ogni cabina. Al termine della serata, il pubblico mi ha decretato vincitrice con una percentuale altissima, del 58%, un dato che ha stupito non solo me ma anche i giudici, che mi hanno così consegnato il trofeo della trasmissione e regalato la possibilità di partecipare al programma olandese, dal quale spero adesso di ricevere una tanto attesa telefonata.
«In qualunque modo vadano le cose, tuttavia, non so come esprimere la gioia per questo risultato, raggiunto con il consenso di migliaia di persone che nei giorni successivi non hanno fatto altro che complimentarsi con me e, in qualche occasione, mi hanno addirittura chiesto l’autografo».
«È stata un’esperienza unica - interviene per la prima volta Giorgio, - molto diversa da qualunque altra serata che abbiamo fatto sulla terra ferma. Nonostante il nostro gruppo abbia ricevuto apprezzamenti ovunque e abbiamo girato con piacere tutta la Calabria, i complimenti ricevuti sul nostro territorio sono sempre stati viziati dalla presenza tra il pubblico di amici e parenti che, ovviamente sono sempre molto indulgenti con le nostre performance. Qui, invece, dinanzi a 3.800 persone che non la conoscevano, il successo di Francesca è sembrato più genuino, un’evenienza che, una volta tanto, ha fatto arrivare una buona notizia, dal Mediterraneo».
Non sappiamo quali altre notizie arriveranno dal Mediterraneo nei prossimi mesi, ma sappiamo per certo che tante altre buone notizie arriveranno da Bovalino e da Francesca, che ci piacerebbe poter vedere al più presto sugli scaffali dei negozi di musica con il suo primo album!

Autore: 
Jacopo Giuca
Rubrica: 

Notizie correlate