Giovedì e venerdì a Siderno due giorni dedicati al mondo produttivo tra arte e tradizioni

Mar, 19/08/2014 - 18:56
Ieri sera presso il Musaba a Mammola presentato l’evento “epize-fiera”.

Ieri sera, alle ore 20.00, presso il parco museo laboratorio “Santa Barbara” di Mammola si è tenuta la conferenza stampa di presentazione dell’evento “EPIZE-FIERA” che si svolgerà a Siderno nei giorni 21 e 22 agosto.

Giovedì e venerdì a Siderno, a partire dalle ore 19.30, in piazza “Vittorio Veneto”, si alterneranno interventi di esperti del mondo produttivo, dell’arte e della cultura calabrese, mentre sul corso della “Repubblica”, isola pedonale per l’occasione, saranno allestiti gli stand delle imprese che hanno aderito alla fiera.

Nel corso delle due serate previste anche esibizioni di artisti e gruppi musicali.

Alla conferenza stampa erano presenti i promotori dell’iniziativa: Sonia Lombardo per l’Associazione di categoria UNSIC, Agostino Santacroce per la Pro Loco di Siderno, Bruno Gelonesi in qualità di responsabile artistico dell’evento, Raffaele Salerno e Claudio Vitetta in rappresentanza del mondo produttivo, i quali hanno sottolineato che l’evento del 21 e 22 agosto si include all’interno di un progetto nato per creare una rete tra il mondo delle imprese e la cultura calabrese, valorizzando le nostre risorse naturali e i prodotti tipici, perché questa è la via per uscire da sistemi e stereotipi che da tempo hanno relegato ai margini l’economia calabrese.

Durante tutto l’anno, infatti, sono previste delle iniziative di supporto alle imprese, dalla formazione specifica, alla valorizzazione dell’arte, delle tradizioni, compresi interventi finalizzati alla promozione dei prodotti tipici di eccellenza.

Si tratta di un progetto che mira alla creazione di una rete tra le imprese calabresi: i promotori sono consapevoli che l’obiettivo è ambizioso, ma sono altresì convinti che bisogna progettare pensando al futuro di questa terra che necessariamente deve ritornare a valorizzare la produzione agricola di qualità, puntare sui prodotti tipici, l’artigianato locale, sul binomio natura e territorio, storia e tradizioni, così anche da rilanciare l’economia turistica.

Autore: 
Francesca Barranca
Rubrica: 

Notizie correlate