Il grande cuore di Mimmo Tallura non batte più

Dom, 17/11/2019 - 17:30

“Rosario, sono Mimmo Tallura, mi ha dato il tuo numero mio fratello Antonio, ti chiamavo perché volevo chiederti se si può inserire un articolo sulla Riviera per il raduno delle cinquecento che facciamo a Locri”. Quando ho avuto la triste notizia della morte del caro Mimmo, mi è tornata in mente questa conversazione di molti anni fa, i primi anni della Riviera. Ho ricordato perfettamente la sua voce e i modi gentili. Sapevo della sua malattia e nonostante tutto l’ho visto combattere con il sorriso sulle labbra. Ci conoscevamo poco, ma negli anni avevo imparato a capire lo spirito che lo animava nel fare qualcosa per la sua città, il dare agli altri senza interessi era una caratteristica che ci accomunava. Mi lega un sentimento di forte amicizia con suo fratello Antonio, e non oso immaginare il dolore che lo pervade in questi giorni. A lui e alla sua famiglia vanno le mie condoglianze.
Il suo sarà un altro numero di telefono che non riuscirò a cancellare dalla mia rubrica.

Autore: 
Rosario Vladimir Condarcuri
Rubrica: 

Notizie correlate