Impianto di San Leo: «sono 500 tonnellate di frazione organica a provocare il problema della puzza»

Lun, 18/08/2014 - 18:30
La Regione afferma di essere in cerca di una soluzione, i cittadini chiedono l'apertura dell'isola ecologica per migliorare in parte la situazione

Alla presenza del ministro Lanzetta si sono riuniti i sindaci della Locride a San Leo. Erano presenti Giorgio Imperitura, Giuseppe Strangio, il commissario di Siderno, Maria Cacciola, Antonio Longo, sindaco di Mammola, Maria Romeo, sindaco di Ferruzzano, Giovanni Calabrese e Raffaele Sainato per Locri, il sindaco di Staiti, Antonio Principato, il vicesindaco di Caraffa del Bianco, Pietro Cama, San Giovanni di Gerace, Pino Vumbaca, il funzionario della Regione Calabria, Amedeo Codispoti, Ecologia Oggi era rappresentata da Giardiello. I cittadini hanno aperto la riunione lamentandosi e cercando di spiegare l'esasperazione che stanno vivendo. Luigi Errigo ha sottolineato come una soluzione al problema potrebbe essere far funzionare l'impianto di compostaggio e migliorare la manutenzione dell'impianto, facendo anche entrare in funzione il deposito del compost.
La Cacciola ha informato i presenti che Gualtieri è stato contattato dal commissario Tarricone il quale ha garantito che sono state avviate le procedure per le gare di appalto per l'impianto di Siderno. Calabrese è intervenuto per dire che alla riunione mancava il principale responsabile di questa situazione: la regionale Calabria. Per Giordano la soluzione è quella di avviare il trasferimento del compost
La Regione conosce i problemi, poco tempo fa è stato sostituito il bio filtro e la Regione ha costantemente affrontato il problema», queste le parole del rappresentante della Regione, Amedeo Codispoti, che ha quindi affermato che «il problema è la frazione organica dei rifiuti che deve rimanere nei capannoni almeno 90 giorni. In questo momento nell'impianto ce ne sono 500 tonnellate, è questo materiale a provocare il problema della puzza. Infatti la frazione organica non viene trattata ma solo inviata in altre discariche. In settimana tenteremo di  mandare questo compost in un'altra discarica».
 

Rubrica: 

Notizie correlate