Iniziati i lavori di rimozione dell’amianto dal Cementificio a Catanzaro

Sab, 08/08/2020 - 10:00

Un'importante azione di tutela dell'ambiente, la demolizione di un vero e proprio ecomostro, la successiva creazione di un centro socio-residenziale per la terza età. Tutto a carico di una società privata, senza alcun costo per l'amministrazione, nel contesto di un ampio progetto di riqualificazione dell'intera zona di viale De Filippis e della sottostante valle del Sansinato. E' il senso dei lavori avviati stamani per la rimozione e bonifica dell'eternit del cementificio di via Lombardi, a Catanzaro, struttura di 50mila metri cubi che subito dopo la bonifica verrà demolita. All'avvio dei lavori ha partecipato il sindaco Sergio Abramo. "È il primo passo - ha detto - di un intervento dal più largo respiro, che non prevede costi per il Comune ed è finalizzato alla creazione di una grande zona socio-residenziale di iniziativa completamente privata nella vallata sottostante, con una cittadella della salute per gli anziani. Approvando l'idea progettuale in Consiglio comunale, nel pieno rispetto del piano regolatore, ho voluto, fortemente e con la massima priorità, che fosse inserita come condizione fondamentale la rimozione dell'amianto e l'abbattimento di questo ecomostro che risponderà, una volta per tutte, alle richieste dei residenti del rione e di tutta la città".
I lavori sono stati affidati dalla società titolare dell'investimento alla ditta Talarico-Edilservice srl. La prima fase, che dovrebbe concludersi poco dopo Ferragosto, prevede la rimozione dell'amianto e la contestuale bonifica dei luoghi.
Subito dopo, l'abbattimento della struttura aprirà la seconda fase, che potrebbe essere completata entro il mese di settembre.
Il progetto di realizzazione di un insediamento per la terza età in località Sansinato è stato approvato dal Consiglio comunale il 26 febbraio scorso, all'unanimità dei presenti, e prevede, a carico della Parco Sansinato srl, la costruzione di un presidio sanitario specializzato nella ricerca, cura e ricovero per malattia di natura geriatrica col supporto di bar, farmacia, alloggi per anziani, luoghi urbani per lo svago e il tempo libero e una struttura di accoglienza per i congiunti dei degenti.
ANSA

Rubrica: 

Notizie correlate