Io vulesse truvà pace…

Lun, 14/10/2019 - 19:20
I Briganti

In questo periodo davvero triste, in cui impera il “non senso”, il pressappochismo, il giudizio umano; dove gli uomini ancora si fanno le guerre per il potere, dove i governi ammettono il razzismo, costruiscono bombe, fanno del Mediterraneo un cimitero; dove le persone non riescono a trovare uno straccio di lavoro dignitoso. In questo periodo, speriamo di passaggio, ci vorrebbe un po’ di pace, ci vorrebbe Eduardo de Filippo:

Io vulesse truva’ pace;
ma na pace senza morte.
Una,’mmiez’a tanta porte,
s’arapesse pe’ campa’!

S’arapesse na matina,
na matin”e primmavera,
arrivasse fin”a sera
senza di’ : “nzerrate lla” !

Senza sentere cchiu’ ‘a ggente
ca te dice: “io faccio…io dico”,
senza sentere l’amico
ca te vene a cunziglia’

Senza sentere ‘a famiglia
ca te dice: “Ma ch’he fatto?”
senza scennere cchiu’ a patto
cu”a cuscienza e ‘a dignita’.

Senza leggere ‘o giurnale
‘a nutizia ‘mprussiunante,
ch’e’ nu guaio pe’ tutte quante
e nun tiene che ce fa.

Senza sentere ‘o duttore
ca te spiega ‘a malatia
‘a ricetta in farmacia
l’onorario ch’he ‘a pava’

Senza sentere stu core
ca te parla ‘e Cuncettina
Rita, Brigida, Nannina…
chesta si’… chell’ata no.

Pecche’ insomma si vuo’ pace
e nun sentere cchiu’ niente
‘e ‘a spera’ ca sulamente
ven’ ‘a morte a te piglia’?

Io vulesse truva’ pace
ma ‘na pace senza morte.
Una,’mmiez’ a tanta porte
s’arapesse pe’ campa’

S’arapesse ‘na matina
‘na matina ‘e primmavera
e arrivasse fin’a sera
senza di’ “nzerrate la’!”

Traduzione dal napoletano

Io vorrei trovare pace
ma una pace senza morte
(vorrei che) una in mezzo a tante porte
si aprisse per vivere!

Si aprisse una mattina
una mattina di primavera
per arrivare fino a sera
senza dire: “Chiudete la’!”

Senza ascoltare piu’ la gente
che ti dice: “Io faccio, io dico”,
senza ascoltare l’amico
che pretende di dare consigli

Senza ascoltare la famiglia
che ti dice: “Ma che hai fatto?”
senza scendere piu’ a patti
con la coscienza e la dignita’

Senza leggere sul giornale
la notizia impressionante
che è un guaio per tutti
e non sai come evitarlo.

Senza ascoltare il dottore
che ti spiega la malattia
la ricetta in farmacia
l’onorario da pagare.

Senza ascoltare il cuore
che ti parla di Concettina
Rita, Brigida, Nannina…
questa si…quell’altra no.

Perche, insomma, se vuoi pace
e non sentire piu’ nulla
devi sperare soltanto
che venga la morte a prenderti?

Io vorrei trovare pace
ma una pace senza morte
(vorrei che) una in mezzo a tante porte
si aprisse per vivere!

Si aprisse una mattina
una mattina di primavera,   per arrivare fino alla sera
senza dire: “Chiudete la!’”.

Autore: 
Brigantessa Serena Iannopollo
Rubrica: 

Notizie correlate