La Lanzetta sulla 106 e la Jonio-Tirreno

Ven, 12/12/2014 - 13:00
Riceviamo e pubblichiamo

Abbiamo voluto fare considerazioni e domande specifiche alla Ministra Lanzetta e ad un tecnico su un problema di grave pericolosità stradale di interesse collettivo: la strada 106 e la superstrada Jonio-Tirreno. L'intervista, tramite Giovanni Pittari, è stata fatta alla fine del Convegno organizzato dall'Unione dei Comuni il 7 dicembre scorso. Specificatamente è stato chiesto alla Lanzetta cosa si sta facendo il merito alla sicurezza, dato che dopo l'ultimo tragico incidente si era subito parlato di maggiore presenza di polizia e soprattutto di installazione di strumenti per il controllo della velocità, cosa finora non avvenuta malgrado l'assoluta necessità. Abbiamo ritenuto pure di intervistare un tecnico, l'Ingegner Edoardo Crupi del Corsecom.

Queste le risposte.

Ingegner Edoardo Crupi. «È da tempo che manca un piano complessivo delle infrastrutture che sono prioritarie. Per quanto riguarda la 106 dovremmo avere quanto prima l'apertura di due nuovi tratti che renderà più scorrevole almeno questa parte terminale della Jonio-Tirreno. Occorre però mettere in assoluta sicurezza la strada di grande viabilità, appunto la Jonio-Tirreno perchè non è assolutamente pensabile che le cose possano essere lasciate in queste condizioni. Per ottenere le garanzie di sicurezza, a mio parere, necessita l'intervento politico di solidarietà tra le popolazioni, tra i sindaci, tra i politici affinchè  esercitino la giusta pressione su chi di competenza perchè le cose vengano fatte in modo opportuno ed in tempi rapidi, non più procrastinabili».

La Ministra Maria Carmela Lanzetta: «Mi sto occupando molto dei trasporti in Calabria, cominciando dalla linea ferroviaria jonica ed anche della 106 e della Jonio-Tirreno. È necessario riguardare questa strada per una completa ristrutturazione per garantire la sicurezza soprattutto nella galleria, per quanto riguarda i parapetti, i sistemi di controllo della velocità al fine di ridurre le occasioni di grande tragedia come quella verificatasi pochi giorni fa. Quindi è necessario che tutti si interessino a questa problematica ed io per prima mi sono fatta interprete presso il Ministro delle Infrastrutture per avere finanziamenti per la Calabria e finanziamenti per la strada a scorrimento veloce Jonio Tirreno che unisce i due territori. Per cui si deve parlare di sviluppo  ma si deve parlare anche di sicurezza».

 

 nota a cura di Vincenzo Logozzo

 

Rubrica: 

Notizie correlate